Danieli: contratto da 160 milioni di euro in Uzbekistan

L'azienda friulana lavorerà per la costruzione di un tender per il nuovo impianto industriale destinato alla produzione di acciai laminati a caldo

Il gruppo Danieli, multinazionale italiana con sede a Buttrio, uno dei leader a livello mondiale nella produzione di impianti siderurgici chiavi in mano, si è assicurata un contratto da 160 milioni di euro per la costruzione di un tender per il nuovo impianto industriale presso il complesso metallurgico di Bekabad in Uzbekistan, ai confini con il Tagikistan, destinato alla produzione di acciai laminati a caldo.

La vocazione industriale

L'azienda italiana è già impegnata per una fornitura di macchinari per laminati a freddo presso il complesso di Tashkent, a un centinaio di chilometri da Bekabad. Il complesso metallurgico di Bekabad, che risale all'epoca sovietica, occupa il 25% degli abitanti del distretto e rappresenta l'80% dell'offerta industriale dello stesso. ''L'Uzbekistan ha una forte vocazione industriale - ha dichiarato l'ambasciatore d'Italia a Tashkent, Andrea Bertozzi - che mira ad ampliare la propria struttura produttiva per acquistare un ruolo centrale nei processi di scambio regionali. L'Italia può dunque inserirsi nel progetto strategico per la modernizzazione del Paese. In tale prospettiva, serve tecnologia di primo livello, che certamente il nostro Paese può fornire in molti settori su cui punta l'Uzbekistan (dal tessile, all'agroalimentare, dall'energia alla chimica)'' .

La tendenza positiva

Ed i numeri (quasi il 50% di esportazioni in piu' per i primi 5 mesi dell'anno, secondo i dati Ice), sembrano confermare una tendenza positiva che fa perno sulla complementarietà tra l' offerta italiana di macchinari e impianti e la domanda uzbeka. Il Presidente dell'Uzbekistan, Shavkat Mirziyoyevsi, nel corso della cerimonia della posa della prima pietra dell' impianto industriale ha espresso la sua soddisfazione per l'affidamento delle fornitura degli impianti alla azienda italiana, consapevole dell'elevato livello tecnologico della nostra industria manifatturiera, in particolare in un settore cosi' strategico per lo sviluppo del Paese. Ha inoltre avanzato l'auspicio che questa operazione possa essere solo il punto di partenza di una collaborazione nel settore economico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stesa a terra in strada, si pensa a un incidente ma in realtà è un'ubriaca inseguita dal marito

  • Mestre, 24enne di Osoppo muore per sospetta overdose

  • A 24 anni apre il primo e unico negozio in regione di alimentazione naturale per cani

  • Chiude la Safilo di Martignacco, 250 persone senza lavoro

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

  • Scritta ingiuriosa prima della partita, operai all'opera per eliminarla

Torna su
UdineToday è in caricamento