Cgil basita dalle dichiarazioni di Bolzonello in difesa dei voucher

Pezzetta: «Cgil sola nel denunciare gli abusi. Sorpresi dalle parole di Bolzonello»  

La Cgil, soddisfatta del passo indietro del governo, oggi ha sottolineato che l’abolizione dei voucher è solo ad un primo passo e che solo con la conversione in legge del decreto del Governo la campagna sui referendum potrà dirsi conclusa. «Nella consapevolezza – aggiunge – che il vero obiettivo della Cgil è la Carta dei diritti universali del lavoro: una legge organica non soltanto su voucher e appalti, ma che rinnovi e rafforzi lo Statuto dei lavoratori, adeguandolo a un mercato del lavoro radicalmente trasformato». Il segretario regionale della Cgil Villiam Pezzetta torna così sul tema referendum, anche per rispondere alla reiterate critiche all’abolizione dei voucher espresse da diversi esponenti del mondo imprenditoriale regionale. «Critiche che avevamo messo in conto – precisa – mentre ci ha sorpreso la discesa in campo contro il decreto del Governo a opera del vicepresidente della Regione. Dalla seconda carica della Regione ci saremmo aspettati un atteggiamento più equilibrato, ma evidentemente ha prevalso la tentazione di assecondare l’umore della platea in cui l’assessore si è trovato a parlare».

Addio voucher, le alternative proposte dalla Serracchiani

Confartigianato invoca la reintroduzione dei voucher

Queste le dichiarazioni del vicepresidente Bolzonello rilasciate a margine della cerimonia per la "Festa di San Giuseppe" : "sono convinto che il Governo abbia fatto un errore eliminando i voucher senza dare un'immediata alternativa: è infatti uno strumento valido e dà risposte alle esigenze di questa società, anche se è evidente che nel suo utilizzo ci sono state delle esagerazioni e delle distorsioni". 

Pezzetta-3Il numero uno della Cgil regionale chiede più coerenza: «Se da un lato – dichiara – possiamo comprendere i timori di chi teme che l’abolizione dei voucher possa aprire un vuoto legislativo e impedire la regolarizzazione di alcune forme di lavoro, come quello agricolo e nell’ambito dell’assistenza familiare, non accettiamo crociate pro-voucher da parte di chi solo adesso, dopo il decreto del Governo, riconosce che lo strumento era abusato, mentre prima taceva di fronte all’abuso che se n’è fatto in alcuni settori come il commercio, l’artigianato e la piccola industria. Ignorando, o fingendo di ignorare, come questo non costituisse soltanto una forma di precarizzazione spinta del lavoro, ma anche di concorrenza sleale verso le imprese virtuose. È evidente a tutti, del resto, che solo la campagna referendaria della Cgil ha consentito di porre fine a una crescita esponenziale del ricorso ai voucher, culminata nel 2016 con 134 milioni di buoni lavoro venduti a livello nazionale e 6 milioni in Fvg».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Addio buche, da inizio giugno via Grazzano si rifà il look

  • Cronaca

    Il "Gallo" in terapia intensiva a Udine, niente concerto di Vasco per lui

  • Politica

    Prime scintille tra le liste di opposizione, Cittadini vs Pd: «Sacrificato il pluralismo»

  • Cronaca

    Nell'elettrodotto che sorvola Ragogna spuntano due tralicci dorati

I più letti della settimana

  • Tragedia sfiorata sulla A4: corriera fuori strada, 26 feriti

  • Incidente mortale, perde la vita un cinquantenne in scooter

  • Tamponamento sulla A4 tra mezzi pesanti: morto il veneto Alberto Frison

  • In auto con il finestrino aperto, rapinato di 9200 euro

  • Giunta Fedriga, tutti i nomi degli assessori del presidente

  • Incidente sulla Pontebbana: morto un anziano, ferita la moglie

Torna su
UdineToday è in caricamento