Via Mercatovecchio: la pavimentazione fa discutere gli architetti

L'Ordine professionale interviene sulla questione, applaudendo la volontà dell'amministrazione di investire per il futuro della città, ma chiedendo che venga bandito un concorso internazionale di idee

Uno scorcio di via Mercatovecchio

Venerdì 13 aprile è stato presentato alla cittadinanza il progetto per la ripavimentazione e pedonalizzazione di via Mercatovecchio dai suoi autori, gli architetti del Comune di Udine, Fabrizio Smigliani e Barbara Gentilini, e dall'assessore Gianna Malisani.

Da molti anni si discute sull'opportunità di ri-progettare via Mercatovecchio, la sua relazione con il centro storico e il suo ruolo in città; sembra infatti che serva ri-definire il carattere della via principale di Udine alla luce della trasformazione del significato e dell'equilibrio delle varie parti della città avvenuta negli ultimi decenni, il quale ha messo in discussione l'importanza del centro.

In che misura la via debba essere un emporio, potenziato rispetto allo stato di fatto, o un luogo di incontro per la sosta e la ricreazione, diventando quindi una strada- piazza, o un luogo di passaggio aperto al traffico o altro ancora va valutato, testato e messo in atto con un progetto di trasformazione, che individui quale tipo di intervento sia più appropriato e con quale estensione.

L'Ordine degli Architetti plaude quindi all'attenzione dell'Amministrazione comunale che intende affrontare questo tema e ha pure messo a disposizione fondi cospicui in questi tempi di crisi.

Di contro, poiché la questione via Mercatovecchio è troppo importante nella definizione del carattere del centro storico, l'Ordine ribadisce che questa è l'occasione giusta, e non può essere troppo tardi, per bandire un concorso di progettazione internazionale per regalare alla città le riflessioni di molti progettisti e raccogliere e comparare diverse idee e interpretazioni dell'area, possibilmente permettendo agli abitanti di immaginare, seguendo le vicende del concorso, il futuro di un pezzo così nevralgico della nostra città. Ma questo pensiero non può essere limitato al progetto di una pavimentazione; il dibattito sul formato delle pietre ormai è già in atto.

È necessario invece ripensare il ruolo di questo spazio inserito e coordinato nel sistema delle piazze del centro, come si è tentato di fare in tempi passati. Sarebbe infatti un peccato che anche via Mercatovecchio facesse la fine di un'altra delle piazze di Udine, piazza Venerio, ridisegnata con pregevole intervento da Gino Valle, uno dei nostri più grandi architetti, che diventa per alcuni periodi alternativamente pista di pattinaggio sul ghiaccio, sede di "spaccio" di wurstel e crauti oppure, prossimamente, foresta; per il resto dell'anno isolata landa desolata, raffinata copertura di un parcheggio, ma assolutamente priva di un ruolo nel tessuto urbano della città.

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • Come far durare la tinta per capelli più a lungo anche d'estate

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

I più letti della settimana

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Gianpiero, l'operazione è conclusa e riuscita

  • Scompare da casa e tenta il suicidio, i poliziotti la salvano per miracolo

  • Incidente mortale in Slovenia, la vittima è un 48enne di Palmanova

  • Violento temporale si abbatte sulla Bassa Friulana, maltempo in arrivo anche a Udine

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

Torna su
UdineToday è in caricamento