Nuova via Mercatovecchio, Calcaterra: «Nessuna risposta alle nostre perplessità»

L'intervento, presentato oggi alle associazioni di categoria, nelle intenzioni dell'Amministrazione porterà alla realizzazione di un'isola centrale attrezzata con arredi e dehors. Un nuovo sistema di illuminazione scenografica permetterà di valorizzare gli elementi architettonici di pregio, ma non basta per i commercianti

Rifacimento della pavimentazione, eliminazione delle barriere architettoniche, posizionamento delle infrastrutture, creazione di un'isola centrale attrezzata con arredi e dehors, definizione di due corsie libere per il passaggio dei mezzi di emergenza, di servizio e autorizzati, utilizzo di un sistema di illuminazione scenografica, messa a sistema con piazza Matteotti e con il Castello. Sono questi gli elementi principali del progetto di pedonalizzazione di via Mercatovecchio, presentato alle categorie economiche stamane a palazzo D’Aronco.

LE REAZIONI.  «Un intervento fondamentale per la città e non è più procrastinabile» per il sindaco Furio Honsell, «una soluzione che non soddisfa e desta parecchie perplessità» per Arianna Calcaterra dell’associazione UdineIdea.

INIZIO LAVORI. Il progetto, che partirà tra la fine di dicembre e l'inizio del nuovo anno con la gara per i lavori di rifacimento della pavimentazione e di eliminazione delle barriere architettoniche, è stato presentato dal gruppo di lavoro del Comune di Udine guidato da Raffaele Shaurli e Bruno Grizzaffi, alla presenza del sindaco Honsell, del vicesindaco, Carlo Giacomello, e degli assessori Alessandro Venanzi, Enrico Pizza e Pierenrico Scalettaris. Per Calcaterra però «mancavano i dirigenti che avrebbero dovuto dare le risposte che ci aspettavamo sulla pavimentazione, e per questo abbiamo richiesto un incontro supplementare con questi». Tutto da buttare quindi? «No, qualcosa di positivo c’è, per esempio il sistema di illuminazione. Per il resto c’è poca roba oltre ai soliti ombrelloni. Ci vorrebbe qualcosa di più innovativo, non certo cose che si sono già viste e straviste».

IL DETTAGLIO. Il piano d'azione presentato dall'amministrazione comunale, che prevede un investimento complessivo di circa 1,6 milioni di euro, non si ferma alle sole opere di rifacimento della pavimentazione in pietra piasentina, di eliminazione delle barriere architettoniche e di posizionamento delle infrastrutture, già delineate in precedenza sulla base delle indicazioni della Soprintendenza ai Beni architettonici. «A questi fondi a bilancio – sottolinea Honsell – si aggiungeranno poi circa 200 mila euro per il sistema di videosorveglianza e i finanziamenti relativi ai fondi europei di Agenda urbana». Il progetto complessivo, infatti, scende nel dettaglio anche rispetto alla destinazione urbanistica della futura piazza Mercatovecchio. Al centro dell'area sarà ricavata un'isola attrezzata dove troveranno posto  spazi pubblici e dehors arredati a cura dei pubblici esercizi presenti. A questo proposito il piano prevede il posizionamento in diversi punti di quattro sculture già a disposizione del Comune: “Sole produttore” di Giò Pomodoro, “Totem”, di Mirko Basaldella, “Alpha Centauri” di Dino Basaldella e un'opera di Carlo Ciussi. Ai lati invece saranno ricavate due corsie libere che dovranno garantire il passaggio dei mezzi di emergenza e di servizio e dei veicoli autorizzati, in particolare per il carico e scarico della merce. «Il nuovo assetto del trasporto pubblico sarà definito con il nuovo gestore vincitore della gara regionale – spiega il sindaco Honsell –, ma è chiaro l'attuale situazione ibrida sarà abbandonata e sicuramente non transiteranno più i normali autobus da 12 metri».

NUOVA AREA VERDE. A livello urbanistico il piano poggia sul concetto di “rammendo” perché punta a calare l'area di Mercatovecchio all'interno del centro storico, cucendone gli elementi con gli spazi circostanti. Attraverso infatti le attrezzature e l'illuminazione, la nuova piazza sarà messa in collegamento con il compendio della biblioteca e del Castello, a esempio con l'allestimento, nel giardino di Casa Pellis (civico 3 di via Bartolini), di una nuova area verde attrezzata con sedute e orti rialzati, punto di salita, da anni inutilizzato, del percorso ovest che porta al Castello.

LE LUCI. Un ruolo importante per la riuscita del progetto lo giocherà proprio la luce, che sarà usata per sottolineare gli aspetti significativi degli edifici. Il progetto prevede infatti l'utilizzo di una vera e propria illuminazione scenografica, con un sistema di ottiche, riflettori e lenti che permetteranno di illuminare ma anche di valorizzare gli elementi architettonici e l'atmosfera.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Alla guida con un tasso d'alcol di 5 volte superiore al limite dopo un'allegra domenica a Friuli Doc, fermato

  • Omicidio Tulissi: Calligaris condannato a 16 anni di reclusione

Torna su
UdineToday è in caricamento