Reati di bancarotta e truffe, presi due responsabili di colpi messi a segno in Friuli

Condanna di 5 anni per bancarotta: 63enne raggiunto dai carabinieri e portato in carcere

Un imprenditore pregiudicato di 63 anni, F.G., domiciliato a Salzano e originario di Chirignago (Venezia), è stato raggiunto e arrestato dai carabinieri della stazione di Noale su provvedimento dell'autorità giudiziaria. Dovrà trascorrere in carcere un totale di oltre 5 anni per un cumulo di pene legate a una serie di reati di bancarotta fraudolenta e truffe commessi tra Friuli e Veneto nell'arco di dieci anni.

I provvedimenti

Come riporta Venezia Today, la condanna di primo grado era arrivata nel 2012, dopodiché l'uomo aveva fatto appello, ma in questi giorni il tribunale ha confermato le accuse a lui rivolte. Il 63enne, che negli ultimi tempi era allevatore, aveva gestito in passato imprese di vari settori. I reati che gli vengono contestati sono stati commessi tra Udine e Rovigo.

Altro arresto a Mira

Operazione analoga è stata portata a termine dai militari della tenenza di Mira, che hanno arrestato un 54enne L.L., di etnia rom, già condannato con pena sospesa per reati di truffa e falsificazione di documenti, crimini commessi tra il 2005 e il 2006 in Friuli Venezia Giulia. I carabinieri lo hanno rintracciato a Mira e hanno eseguito l’ordinanza emessa dal tribunale di Trieste, che prevede per l'uomo una pena totale di due anni e mezzo di reclusione e 1.400 euro di multa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento