È l'udinese Demetra Bellina la protagonista del video di Irama

La giovane friulana è stata scelta dal cantante che concorre a Sanremo con la sua canzone "La ragazza con il cuore di latta"

Canta, suona e recita. Ma da “buona” friulana non schiamazza e non sventola ai quattro venti il suo talento che per questo rimane genuino e autentico. È forse per questo, per il suo modo che sembra introverso e per la sua bellezza che colpisce al secondo sguardo (o al primo, per chi osa approfondirlo), che l’udinese Demetra Bellina (classe 1995) è stata scelta come protagonista dell’ultima canzone di Irama, presente al Festival di Sanremo.

Al lavoro con Irama

Questo farà di Demetra una delle ragazze più invidiate di Italia, visto che Irama, vincitore del format Amici di Maria De Filippi, è adulato dalle giovani di tutto il paese non soltanto per le sue prestazioni canore. «Lavorare con lui è stato molto bello, perché il concept del video non era per nulla semplice e ci siamo sostenuti a vicenda», ci racconta con molta professionalità Demetra.

Il video

La storia raccontata dalla canzone "La ragazza con il cuore di latta" in gara al festival di Sanremo, infatti, è piuttosto cruda e alterna durezza e fragilità che sono sempre molto cari al vissuto dello stesso cantante. Il ruolo più difficile spetta però alla protagonista, Demetra Bellina appunto, che interpreta una giovane donna vittima di violenza che trova nello stesso cantante una figura di riferimento.

La carriera

«Ho capito a 9 anni che volevo fare musica e teatro. Era una recita a scuola, frequentavo la De Amicis, e avevo la parte da solista interamente in friulano. Da lì in poi ho fatto di tutto per diventare quella che sono oggi». Attrice, con alle spalle la partecipazione a diversi progetti nel piccolo schermo (l'ultimo è stata la fiction Di padre in figlia, al fianco di attrici come Stefania Rocca e Cristiana Capotondi), Demetra, che vive a Roma da un paio d'anni, si sta ormai abituando ad essere ripresa dall'occhio della telecamera e ad essere immortalata dall'obiettivo fotografico.Sono diversi i corti e i servizi fotografici a cui ha preso parte la giovane udinese, che fa parte dell'agenzia Volver.

I video in Friuli

Ultimo lavoro è quello di protagonista del video Daisy di Aritmia Oficial, diretto dalla friulana Aurora Ovan, in concorso per il Videomakeroftheyear che, a ben guardare, ha offerto forse più di qualche spunto al videoclip di Irama.

Un volto riconoscibile

La sua, infatti, è una bellezza pungente e ipnotica. Di quelle che rimangono impresse per la non scontatezza dei lineamenti e di uno sguardo che, come dimostrato nel video di Irama, è capace di dare forma anche alle emozioni più profonde. 

La musica

Forse la sua prima passione è la musica. Demetra infatti suona la chitarra, canta e incanta. Il suo primo gruppo si chiama Lola and the Bills, composto insieme a Giovanni Grisan, Riccardo Della Mora e Giulio Ghirardini. Ma, volendo, la si può trovare in giro anche da sola. «Siccome i miei compagni saranno tutti impegnati, il prossimo concerto mi vedrà impegnata in solitaria a Roma». Per ora i quattro sono comunque impegnati in studio di registrazione e anche i fan udinesi potranno presto godere della loro musica dal vivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

Torna su
UdineToday è in caricamento