Smog: valori oltre la soglia, tornano le limitazioni

Per la seconda volta in meno di un mese sono previsti valori oltre la soglia fino alla notte del 21. Torna l'obbligo di tenere il riscaldamento a 18 gradi e l'invito ad usare l'auto il meno possibile

Con il perdurare del bel tempo, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente ha comunicato al Comune di Udine una nuova previsione di sforamento dei valori delle polveri sottili. Fino alle 00.00 del 22 febbraio (ovvero la notte del 21 ndr), infatti, l’Arpa prevede un superamento dei valori delle Pm10 il cui limite, lo ricordiamo, è fissato in  50 microgrammi come media giornaliera.

Per questo motivo il Comune di Udine informa che scattano le misure previste dal Piano di Azione Comunale per il contenimento dell’inquinamento atmosferico e la riduzione degli agenti inquinanti nell’aria. In questo caso, dunque, oltre al consueto invito a ridurre l’uso dei mezzi privati, torna l’obbligo di abbassare da 20 a 18° le temperature medie impostate internamente agli edifici.

Per quanto concerne la circolazione dei veicoli le limitazioni riguardano i soli mezzi più vecchi ed inquinanti, ovvero quelli a benzina euro 0 e 1, diesel 0, 1, 2 e 3 e ciclomotori e motoveicoli 0 e 1, e sono, lo ricordiamo, sempre attive ogni giorno fino al 31 marzo dalle 16 alle 20 esclusivamente all’interno del ring cittadino e con l’esclusione, tra gli altri, dei residenti nell’area interessata al divieto. Tutte le deroghe e le limitazioni previste dal Piano antismog sono consultabili sul sito internet del Comune di Udine

Cattura-14-23

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Si sente male mentre è al bar, malore fatale per un 59enne

  • Udine trasgressiva, le escort raccontano le abitudini dei friulani

Torna su
UdineToday è in caricamento