Migliaia di sciatori sulle piste del Fvg, numerosi disservizi a Sella Nevea

Le vacanze scolastiche e il bel tempo hanno favorito un boom di turisti sulle piste regionali, il secondo dopo quello natalizio. Numerose le presenze di sloveni. Ma in alcuni impianti sembra ci sia ancora molto su cui lavorare

Piazzale Slovenia pieno di auto a Sella Nevea. In basso le fotografie dei servizi igienici fuori uso e delle code che si sono formate per acquistare lo skipass

Impianti sciistici a pieno ritmo in regione. Grande affluenza di turisti, studenti e sportivi in tutti i comprensori, grazie sopratutto al ponte scolastico regionale e alle belle giornate soleggiate che hanno portato numerose famiglie a solcare le piste innevate già da sabato scorso. Pendolari ma anche stanziali, ovvero quelli che non si limitano alla toccata e fuga, hanno portato alle nostre montagne il secondo più grande afflusso di turisti dopo Natale.  

In Carnia sullo Zoncolan e sul Varmòst di Forni di Sopra tutti gli impianti, ad eccezione dell'inutilizzabile seggiovia Cima Tamai, sono state letteralmente prese d'assalto e i 50 centimetri di neve di media hanno garantito le prestazioni di principianti ed esperti. 

Stesso discorso per il comprensorio di Tarvisio e Sella Nevea dove si sono registrate lunghissime code per gli skipass e dove si è segnalata una vera e propria invasione di turisti sloveni che da Bovec e paraggi, dove in genere alloggiano, si spostano per sciare approfittando delle migliori  e vicine strutture a disposizione sul versante italiano.

L'affollamento delle piste ha portato, purtroppo, anche alcuni disservizi come quelli registrati a Sella Nevea dove più di un utente ci ha scritto lamentandosi delle condizioni di accoglienza. Ci hanno segnalato in particolar modo l'inutilizzo di molti servizi igienici a disposizione per i numerosi utenti (vedi fotografia in basso) e le inevitabili interminabili code per usufruire dei pochi wc fruibili. Oltre alla difficoltà di accesso alle toilette, altre lamentele sono giunte per altri aspetti non meno secondari: l'apertura di una sola cassa in un giorno di gare con oltre 3000 persone che gravitavano all'interno del comprensorio; l'impossibilità di utilizzo del park adiacente alla stazione a valle, tanto che il piazzale Slovenia risultava senza posti liberi; e la Funifor Prevala, ovvero il collegamento aereo fra Italia e Slovenia, che ha in funzione solo una cabina su due

Altri problemi dovuti all'affollamento delle casse sono stati affrontati nel comprensorio di Tarvisio - Monte Lussari, dove la telecabina del Lussari è stata letteralmente presa d'assalto con code di circa 40 minuti per l'accesso al ticket. 
Impianti Sella Nevea-2

Impianti Sella Nevea-4

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Ristoranti con il migliore servizio di sala d'Italia? In provincia di Udine ce ne sono ben tre

Torna su
UdineToday è in caricamento