Turisti in calo al mare e ai monti, meglio in città. Complici il meteo e i grandi eventi sportivi

La presidente di Federalberghi traccia un bilancio dell'estate, evidenziando come i grandi eventi concentrati ad agosto non favoriscano il turismo stagionale

I Laghi di Fusine nella fotografia di Marco Barbi

A quanto pare, l'estate 2019 non ha portato bene agli albergatori friulani che, dai mari ai monti, hanno registrato un calo delle presenze.

Il bilancio

Il bilancio della presidente di Federalberghi Fvg, Paola Schneider: numeri in calo dal mare ai monti, bene le città. «Bisogna diluire i grandi eventi in tutti i mesi, non solo ad agosto». Sicuramente il meteo non sempre favorevole ha condizionato le presenze nelle località turistiche, privilegiando le città. «È stata una stagione sottotono, nella quale hanno pesato molto le incertezze meteorologiche di maggio. Inoltre, alcune mete turistiche prima in calo per motivi di problemi sociali o attentati, hanno ripreso quota: mi riferisco a Turchia, Egitto, Grecia e Tunisia, che hanno portato via parecchi turisti dal Friuli Venezia Giulia, anche in virtù di politiche di prezzo molto aggressive da parte di alcuni tour operator. C'è stato un leggero calo di presenze ma la nostra regione, tutto sommato, a differenza di altre ha retto».

Il dettaglio

Tra i monti le dinamiche sono state simili: «La Carnia - analizza Schneider - ha tenuto, ma a luglio ha sofferto molto. A giugno è andata bene soprattutto nella prima parte del mese, poi c'è stato un netto decremento. L'andamento del Tarvisiano ricalca quello carnico».

Com'è andata al mare? «Lignano ha sofferto un calo non significativo, ma è andata meno bene che nel 2018. Gli albergatori che hanno ristrutturato negli anni i propri hotel, offrendo anche nuovi servizi, sono riusciti a fidelizzare la clientela, mentre chi non si è mosso ha avuto, e avrà, delle difficoltà. Poi, ci sono molti appartamenti datati e questo è un problema: i proprietari, prima o poi, dovranno metterci mano».

Bene, invece, le città: «Trieste è un luogo che ha sempre un grande fascino e sta lavorando bene. I riscontri sono stati molto buoni, al pari di Udine, dove hanno inciso positivamente le grandi manifestazioni sportive come gli Europei Under 21 di calcio e quelli Under 16 di basket».

Suggerimenti

Schneider, per far aumentare arrivi e presenze in Friuli, suggerisce però un cambio di rotta: «Tanti degli eventi più significativi sono programmati nel mese di agosto - conclude - e questo porta a una concentrazione massiccia di visitatori che, peraltro, non sempre consente di lavorare con la giusta serenità in un periodo già affollato; anzi qualcuno può andare un po'; in affanno. Sarebbe
opportuno fare promozione con qualche grande manifestazione in più a giugno e luglio, in maniera tale da spalmare meglio gli appuntamenti durante l'estate
».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Tarcento, la vittima è un 39enne di Majano

  • Mestre, 24enne di Osoppo muore per sospetta overdose

  • A 24 anni apre il primo e unico negozio in regione di alimentazione naturale per cani

  • Razzia di tonno in scatola, fugge dalla Lidl con un bottino di 90 scatolette

  • Incidente mortale sulla Udine-Venezia, raffica di soppressioni e ritardi

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

Torna su
UdineToday è in caricamento