In FVG tasso di sopravvivenza ai tumori superiori alla media, i dati del mese della prevenzione "in rosa"

Proprio nel mese dedicato alla prevenzione "In Rosa" il Presidente del Consiglio Regionale Zanin si farà portavoce presso le opportuni sedi affinchè in FVG sia anticipata l'età dello screening oncologico. Perchè la prevenzione non è mai abbastanza

Immagine d'archivio

"Mi farò portavoce presso il presidente della Regione Fedriga e l'assessore alla sanità Riccardi, della richiesta che la LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori) ha lanciato a livello nazionale, affinchè in FVG sia anticipata l'età dello screening oncologico: una scelta, che a fronte di un iniziale aumento dei costi, può tradursi in un risparmio di risorse impiegate nelle terapie ed essere un investimento a favore della comunità, e che trova un  alleato nel grande lavoro di sensibilizzazione alla prevenzione e sostegno alla ricerca che una associazione come la LILT."

Il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin lo ha detto oggi intervenendo nella sede della Regione a Udine alla presentazione della campagna di informazione "Nastro Rosa - LILT for Women", che l'Associazione impegnata nella lotta ai tumori propone, come ogni anno in ottobre, mese della prevenzione in rosa. 

In FVG

In FVG le persone che sopravvivano al cancro sono lo 0,9 in più della media nazionale (5,7), un dato tanto più significativo se rapportato anche all'indice di anzianità della popolazione. A evidenziarlo è stato il presidente della LILT Giorgio Arpino che, assieme alla vicepresidente Sandra Dri e a Bepi Pucciarelli, ha illustrato gli eventi in calendario e sottolineato l'importanza della collaborazione che da anni si realizza con la delegazione di Udine dell'Accademia del Peperoncino, guidata da Giuseppe Loguercio e con il Comune di Udine, oggi rappresentato dall'assessore Asia Battaglia che ha ricordato che per richiamare l'attenzione sul tema per tutto il mese di ottobre la Loggia di San Giovanni in piazza Libertà sarà illuminata in rosa. 

Il peperoncino Day

Quest'anno, per la terza volta, l'iniziativa del Peperoncino Day (che dal 2002 celebra con la scoperta dell'America anche l'arrivo in Europa del Caspicum) è fra le iniziative della campagna, e nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 ottobre i volontari distribuiranno nei punti informativi allestiti a Udine in piazzetta Lionello e in numerose parrocchie della città e dell'hinterland un kit realizzato con il supporto degli sponsor, contenente tutto l'occorrente per cucinare un piatto simbolo della dieta mediterranea (quest'anno è la volta delle penne all'arrabbiata) e la borsa sarà distribuita in cambio di una offerta minima di 10 euro.

"In questi anni il Peperoncino Day  ha contributo alle nostre attività con oltre 72 mila euro"  ha sottolineato Arpino, convinto che la risposta della cittadinanza sarà ancora generosa. 

Sul piano scientifico, di grande rilievo il convegno in programma sabato 19 ottobre in Sala Ajace, a partire dalle 9.00, sul tema "Come l'oncologia diventa più personale. Strumenti presenti e futuri" che, con il contributo di un valido gruppo di giovani medici ricercatori dell'ASUIUD e del CRO, servirà a fare il punto sulla ricerca presentata dalla LILT Udine alla LILT nazionale e da questa finanziata con il 5X1000 del 2016; una ricerca finalizzata a intercettare in una fase precoce le recidive del tumore della mammella, con modalità certe e poco invasive, e utile per valutare l'impatto psicologico e la qualità della vita derivanti da questo nuovo approccio di oncologia di precisione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Più di 5mila i truffati dalle manutenzioni antincendio

Torna su
UdineToday è in caricamento