Foci dell'Isonzo: rinvenuto un cadavere con le mani spappolate

Si tratterebbe di un 50enne di Ronchi dei Legionari. Secondo le prime ipotesi stava maneggiando un ordigno esplosivo per pescare di frodo. Sul fatto indagano i carabinieri

Il cadavere di un uomo, con le mani spappolate da un'esplosione, è stato rinvenuto nella mattina di sabato nella zona della foce dell'Isonzo, in Comune di Staranzano, nei pressi della riserva naturale della Cona.

Si tratterebbe di un cinquantenne di Ronchi dei Legionari. Secondo le prime ipotesi formulate dai carabinieri accorsi sul posto il pescatore sarebbe morto in seguito allo scoppio dell’esplosivo che stava per innescare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

Torna su
UdineToday è in caricamento