«La Regione proponga la candidatura del Tagliamento a patrimonio mondiale dell’umanità»

Mozione del Patto per l’Autonomia dopo la diretta con il geologo Mario Tozzi

Foto di Federico Dorissa

Il Tagliamento diventi patrimonio Unesco. È quanto chiedono con una mozione in consiglio regionale Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli del Patto per l'autonomia. Scienziati e gruppi di studio da tutto il mondo arrivano in Friuli per studiarlo, possiede un ambiente unico al quale va riconosciuta la massima tutela. Per queste ragioni, «la Regione ne proponga la candidatura a bene da iscrivere nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco», sollecita il gruppo consiliare del movimento autonomista, facendosi portavoce delle numerose sollecitazioni in tal senso emerse nel corso del terzo appuntamento de “I giovedì del Patto”, la serie di eventi online settimanali organizzati per contribuire al dibattito sulla ripresa post Covid-19 dialogando con ospiti illustri in stretta interazione con il pubblico della rete. Protagonista della diretta è stato Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico e saggista, autore e personaggio televisivo, “testimonial” d’eccezione del fiume friulano di cui, la scorsa primavera, aveva raccontato le caratteristiche di unicità, dopo averlo in parte ripercorso in canoa, in una puntata del programma scientifico di Rai3 “Sapiens”.

Tozzi

«Il Tagliamento deve rimanere in contatto con il territorio, non esserne isolato da elementi artificiali privi di senso e di efficacia per le esigenze di messa in sicurezza delle popolazioni della Bassa», ha ricordato Tozzi, bocciando qualsiasi ipotesi di ulteriori interventi idraulici o ingegneristici, di sfruttamento idroelettrico o di sghiaiamento sul corso d’acqua. «Il Tagliamento è un fiume straordinario dal punto di vista paesaggistico ed ecologico, che dobbiamo soltanto lasciare in pace, rispettandone la naturalità. Si lavori per farne un sito riconosciuto dall’Unesco, fortemente collegato al circondario, creando anche itinerari storici e letterari: un motore di sviluppo sostenibile per tutto il territorio, fondato sulla riconosciuta qualità ambientale». Ma anche un atto dovuto: «Il Tagliamento non appartiene soltanto dei friulani, è di tutti, come lo è il Colosseo! Va tutelato». 

Attenzione alta

Una proposta accolta prontamente dal segretario e capogruppo consiliare del Patto per l’autonomia, Massimo Moretuzzo, che ha moderato l’incontro al quale ha partecipato anche il vicesindaco di Pinzano al Tagliamento, Emiliano De Biasio. Il Gruppo Consiliare continua così a mantenere alta l’attenzione sul fiume più importante del Friuli-Venezia Giulia, un ecosistema estremamente prezioso che era già stato oggetto di una mozione (bocciata dalla maggioranza regionale) con la quale si chiedeva alla Giunta Fedriga di assicurare una salvaguardia maggiore al Tagliamento, dalle sorgenti alla foce, e di realizzare una nuova ZSC-Zona Speciale di Conservazione derivante dalla fusione delle due ZSC attuali, individuate come “Greto del Tagliamento” e “Valle del Medio Tagliamento”, creando un’area più ampia di tutela che includesse anche l’alveo del fiume compreso tra il ponte di Cimano e quello di Pinzano, zona di particolare ricchezza naturalistica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento