Lignano dice basta alla musica dal vivo: vietata fino al 30 settembre

Il provvedimento del Comune si riferisce a una serie di Locali della zona di Sabbiadoro, per i quali è stato imposto anche di interrompere la diffusione con gli impianti alle 00:30

Un concrto dal vivo al Cafè Noir

Stop alla musica dal vivo a Sabbiadoro per cinque locali, deciso venerdì da parte dell’amministrazione comunale di Lignano dopo aver accertato «una violazione amministrativa in tema di emissioni sonore» e dopo le proteste e segnalazioni dei giorni passati, che avevano preso di mira l'eccessivo rumore della zona segnalata. Nel provvedimento si parla di «inibizione totale allo svolgimento di concertini» e «cessazione dell'uso degli impianti di diffusione sonora con il sistema tarato alle ore 00.30 di ogni giorno». Tutto questo sarà valido fino al prossimo 30 settembre, termine del periodo estivo. I bar “nel mirino” sono quelli della zona centrale della località balneare: il Tango Cafè, il Cafè Noir, il Rigoletto, il Kiddy Chef e lo Yuppies Cafè. La protesta non è tardata ad arrivare, e come succede regolarmente negli ultimi anni è sul web che sta correndo a una velocità frenetica. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento