Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spring Meeting 2018: prima task vinta dal campione del mondo Petr Benes

Al secondo posto l’azzurro e pluricampione del mondo Christian Ciech. Ad accoglierli a Travesio una folla di bambini entusiasti. Le bellissime immagini nel video di Stefano Lizier

 

Travesio - Si è conclusa con la vittoria del campione del mondo in carica Petr Benes la prima task dello Spring Meeting, gara internazionale open e campionato italiano di deltaplano che si sta disputando in Friuli Venezia Giulia.

Alle 13.35 lo start alla prova, con condizioni che si sono fatte subito difficili a causa di un cielo che si è via via coperto. Tanti i piloti che hanno scelto di atterrare subito a Travesio, mentre una ventina di deltaplanisti è riuscita a completare l’intero percorso, volando per 98 km prima in direzione Gemona-Artegna e poi verso Cividale, prima di fare rientro a Travesio passando sopra Osoppo e il Lago di Cornino e attraversando il Tagliamento. E’ sopra Cividale che si è decisa la gara: l’azzurro pluricampione del mondo Christian Ciech è infatti passato per primo alla boa, ma ha rischiato di dover atterrare a causa di una quota molto bassa (attorno ai 500 metri). Poco dietro a lui Benes invece aveva guadagnato una quota di oltre mille metri e da lì in poi ha condotto la gara fino all’atterraggio di Travesio, dove è stato letteralmente sommerso da una folla di bambini delle scuole primarie.

Erano stati loro durante il giorno ad animare l’attesa al centro operativo con giochi e laboratori. Le classi quinte hanno incantato i più piccoli raccontando loro la storia del volo, che passa anche dai pionieri delle nostre montagne: Sereno Barbacetto e Ugo Zannier.

Al terzo posto, più distanziato, si è piazzato un altro ceco, Dan Vinhalik. Ha tentato l’impresa la fortissima russa Sasha Serebrennikova, che dopo aver fallito un primo decollo non ha voluto arrendersi e pur di tentare di andare a punti è risalita a Monte Valinis ed è riuscita a entrare in gara un minuto prima della chiusura della finestra di decollo. La sua gara si è poi tuttavia chiusa a Tarcento, dove è stata costretta a planare a terra.

Domani si prosegue con la seconda task e con un ricco programma di attività didattiche e di laboratorio per i più piccoli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento