Vanno in Comune per sposarsi, ma vengono espulsi dall'Italia

Progetto coniugale andato in fumo per una coppia di nigeriani. I due si sono presentati in municipio a Torreano di Cividale con tanto di avvocati e testimoni, cosa che non è bastata per celebrare il rito

Volevano sposarsi in tutta fretta, senza aver fatto le dovute pubblicazioni. Assieme a loro  avvocati e testimoni. Il comportamento singolare degli aspiranti sposi, una coppia di cittadini nigeriani sui 35 anni, ha così insospettito il sindaco di Torreano, che ha quindi chiamato i Carabinieri della Compagnia di Cividale del Friuli. Si è così  scoperto che erano entrambi destinatari di un provvedimento di espulsione, "particolare" che ovviamente ha fatto saltare tutto.

LO “STORICO” DEGLI SPOSI. La donna era già stata espulsa ed era tornata in Italia clandestinamente, motivo per cui è stata arrestata. L'uomo era invece destinatario di un provvedimento di espulsione emesso dalla Questura di Udine a cui non aveva ottemperato, ed è stato quindi accompagnato al Cie di Torino, in attesa di essere imbarcato sul primo volo per la Nigeria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stesa a terra in strada, si pensa a un incidente ma in realtà è un'ubriaca inseguita dal marito

  • Chiude la Safilo di Martignacco, 250 persone senza lavoro

  • «Piangevano tutti». L'incredulità e la tristezza dei dipendenti della Safilo

  • A 24 anni apre il primo e unico negozio in regione di alimentazione naturale per cani

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

  • Entra in bar e punta il fucile contro un cliente per un commento di troppo

Torna su
UdineToday è in caricamento