Una friulana tra le stelle mondiali della ricerca scientifica

È la codroipese Silvia Marchesan, docente all'Università di Trieste, sesta nella classifica elaborata dalla rivista Nature

Silvia Marchesan

I ricercatori emergenti  —  che secondo la rivista Nature stanno 'lasciando il segno' e 'hanno il mondo ai loro piedi' — sono 11. Tra di loro anche una friulana, la codroipese Silvia Marchesan dell’Università di Trieste, classificatasi al numero sei della graduatoria. 

Marchesan

Docente associata di Chimica organica dell’Università di Trieste, Silvia Marchesan si è laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche all'Università giuliana nel 2004 con lode. Ha poi completato gli studi di dottorato in chimica all'Università di Edimburgo in Scozia, e proseguito con la ricerca in Finlandia e in Australia. È rientrata a Trieste nel 2013, ha vinto un progetto Sir nel 2015 con cui ha iniziato le sue attività di ricerca indipendenti. Nel 2017 ha vinto la medaglia Vittorio Erspamer per la sua ricerca sui peptidi, nel 2018 è diventata Professore Associato in chimica organica e ha conseguito l'abilitazione da professore ordinario. Come si legge sul sito dell'Università degli Studi di Trieste, ha sviluppato un idrogel, poco costoso ed efficace, di proteine che si auto-assemblano, utile per riparare i tessuti del corpo e rilasciare farmaci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La selezione

Nature ha selezionato i migliori profili tra 500 ricercatori di tutto il mondo che hanno pubblicato almeno un articolo nelle 82 riviste del Nature Index (che traccia le affiliazioni di articoli scientifici di alta qualità) nel 2017 e il cui primo documento scientifico è apparso meno di 20 anni fa. I primi tre selezionati sono stati Dane deQuilettes, del Massachusetts institute of technology (Mit) per i suoi studi su come ridurre il costo dell'energia solare con la perovskite, Sarah Garfinkel, dell'università del Sussex, per il suo lavoro su come il corpo muove la mente, e Binghui Ge, dell'Accademia cinese delle scienze, per il suo lavoro sulla microscopia a elettroni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Spiagge d'acqua dolce in Friuli: ecco dove fare il bagno

  • Cinque camminate facili a Udine e dintorni, alla ricerca del fresco

  • Friuli circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Coronavirus, aumentano anche in Fvg i positivi e nuovi contagi

  • Tragedia a San Domenico, Francesca perde la vita a soli 23 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento