Lignano Sabbiadoro: sequestrati oltre 1000 pezzi di prodotti vietati

L'operazione ha visto agire le Fiamme Gialle di Lignano, Latisana, San Giorgio di Nogaro e Palmanova. I militari hanno posto sotto sequestro amministrativo asciugamani, ventagli, materiale griffato e altri articoli di varia natura

Nel corso del passato fine settimana i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Udine hanno sequestrato a Lignano Sabbiadoro oltre mille pezzi di prodotti di varia natura.

Le Fiamme Gialle di Lignano, Latisana, San Giorgio di Nogaro e Palmanova hanno effettuato numerosi controlli nella località balneare, sequestrando oltre mille articoli (asciugamani, ventagli) la cui vendita è vietata per legge.

Nei confronti di una ventina di soggetti, tutti di nazionalità straniera, è scattato il sequestro amministrativo della merce con conseguente segnalazione alla competente autorità.

I militari hanno proceduto al sequestro anche di oltre un centinaio di articoli contraffatti recanti marchi di famosi stilisti. Per tale circostanza due cittadini extracomunitari sono stati denunciati alla locale Autorità Giudiziaria.

Il contrasto alla contraffazione e dell’abusivismo commerciale rappresenta uno degli obbiettivi primari della Guardia di Finanza. Per questo motivo i finanzieri dichiarano che "l’attività di controllo economico del territorio sarà ulteriormente intensificata e finalizzata al contrasto della produzione e commercializzazione di prodotti con marchi contraffatti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento