Gemona, sequestrate munizioni e un fucile da guerra

Tra la cittadina pedemontana e Trieste i carabinieri hanno recuperato un grosso quantitativo di bossoli ancora attivi e un'arma da fuoco. Denunciati due uomini

Giovedì scorso durante il controllo di un'automobile a Trieste, condotta dal 32enne P.E., all'interno sono stati trovati 303 bossoli di proiettile di vari calibri, ancora tutti attivi e potenzialmente ricaricabili (per essere resi inattivi, informano i carabinieri, devono avere il fondo forato). Il materiale è stato sequestrato.

Da quell'episodio sono scattate le indagini che hanno portato al sequestro di altri 393 bossoli, questa volta tra la città giuliana e Gemona del Friuli, di altri 393 bossoli, anche questi attivi e di differenti calibri. La persona colpita in questo caso è A.M., 49enne originario Trieste domiciliato nella cittadina pedemontana. Oltre alle munizioni sono stati trovati un proiettile calibro 5.56 e una replica di fucile Barret M99A1.

I due soggetti sono stati denunciati per il reato di detenzione di munizionamento da guerra. I carabinieri stanno indagando per capire l'origine della provenienza di tutto il materiale posto sotto sequestro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Si accorge del monossido e salva i colleghi dall'intossicazione mortale

Torna su
UdineToday è in caricamento