Niente autorizzazioni per gestire i rifiuti, sequestro da 2,5 milioni di euro a Pradamano

Nel mirino dei carabinieri del Noe una società che si occupa dello stoccaggio della plastica. Denunciato a piede libero il presidente

Niente autorizzazioni ambientali necessarie alla gestione dei rifiuti e alle conseguenti emissioni in atmosfera. Per questa ragione uno stabilimento di Pradamano di 18mila metri quadri, l'impianto di aspriazione e 1.400 metri cubi di rifiuti stoccati – per un valore complessivo di 2.5 milioni di euro – è stato messo sotto sequestro preventivo dai carabinieri del Noe di Udine. Il provvedimento è stato convalidato dal gip del Tribunale di Udine.

L'ispezione 

I militari hanno accertato una serie di violazioni penali nei confronti della società che gestisce l'impianto, operante nel settore del recupero della plastica. I controlli hanno portato alla denuncia a piede libero del presidente del consiglio di amministrazione della società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

Torna su
UdineToday è in caricamento