In regione la sanità privata pesa solamente per il 3,7%

L'assessore Telesca replica alle affermazioni del consigliere regionale Stefano Pustetto: bisogna fare riferimento ai documenti ufficiali,

"Rispetto profondamente le opinioni altrui, ma devo rilevare che la matematica non è un'opinione. Basta fare riferimento ai documenti ufficiali, che qualunque cittadino trova anche sul sito internet della Regione, dove tutto è pubblicato con la massima trasparenza, e fare un semplice calcolo percentuale per rendersi conto che in Friuli Venezia Giulia il ricorso alle strutture private accreditate al sistema sanitario non assorbe l'11% ma meno del 4%". A precisarlo è l'assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, in risposta alle affermazioni del consigliere regionale Stefano Pustetto, rimandando alla delibera (la numero 42 del 2017) che indica le risorse destinate alle strutture private per offrire servizi sanitari nell'ambito dei livelli essenziali di assistenza, e quindi gratuite o con il pagamento di un ticket.

I numeri

Tali risorse nel 2017 "ammontano - così in delibera - a complessivi euro 70.489.593 per le Case di Cura private accreditate eroganti prestazioni di ricovero e di specialistica ambulatoriale e per euro 15.021.119 per le strutture private accreditate per la specialistica ambulatoriale". Per un totale dunque di 85.510.712. "Considerato che, come è ampiamente noto, il Servizio sanitario regionale vale, in un anno, qualcosa come 2.300 milioni, ecco che la sanità privata pesa solamente per il 3,7% circa", ribadisce Telesca.

I tempi d'attesa

"Ricordo - conclude l'assessore - che la sanità privata in Friuli Venezia Giulia è accreditata con regole rigorose e garantisce alti livelli di qualità, integrando il pubblico quando può essere necessario, anche per ridurre i tempi di attesa. Quindi ritengo che la collaborazione con il privato, pur calata nel corso degli ultimi anni a favore delle strutture pubbliche, sia in ogni caso assolutamente preziosa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento