Salvano la chiesa e fanno piangere il parroco

L'intervento di una squadra del Soccorso alpino di Forni Avoltri ha scongiurato il peggio per la parrocchiale di Paularo. Commosso il sacerdote, monsignor Ivo Dereani

Un momento dell'intervento e la chiesa colpita

Il Soccorso alpino salva la chiesa scoperchiata e il parroco piange di gioia per l'impresa. Un’impresa fuori dall'ordinario, a tutela di un bene culturale e spiritual - religioso, quella portata a termine ieri sera da cinque tecnici della stazione di Forni Avoltri. Su chiamata della Protezione Civile e dell'amministrazione di Paularo è stato messo in sicurezza il tetto della settecentesca chiesa parrocchiale intitolata ai Santi Vito, Modesto e Crescenzia, scoperchiato dal forte vento.

L'attività

In cinque ore di lavoro, fino alle 21 inoltrate, i tecnici del Soccorso Alpino hanno eseguito il provvisorio tamponamento di circa 250 metri quadrati di area divelta, coprendola con diversi strati di materiale impermeabile al fine di evitare ulteriori infiltrazioni d'acqua con il ritorno delle piogge attese per oggi. I tecnici si sono calati in sicurezza dal campanile adiacente sul tetto della chiesa, sul colmo della quale hanno allestito una "linea vita" ad un'altezza dal suolo compresa tra i quindici e i venti metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il parroco e il sindaco

Monsignor Ivo Dereani, che temeva ormai il peggio per i beni della chiesa, ha pianto per la commozione a lavoro concluso. Il sindaco Daniele Di Gleria ha voluto commentare personalmente al telefono l'accaduto come segue: «Ringrazio a nome mio e di tutta la comunità questi uomini che si sono prestati a favore del paese e ci sono venuti in aiuto laddove altre forze chiamate ad intervenire non se la sono sentita. Il loro lavoro è andato oltre ogni più rosea aspettativa. Io stesso ho voluto assistere personalmente e seguire alle operazioni recandomi in cima al campanile. La voglia di collaborazione e lo spirito di pronto intervento di questi valorosi soccorritori a favore della popolazione è encomiabile. Un grazie anche ai volontari della Protezione Civile che in questi giorni sono stati giorno e notte continuamente a nostra disposizione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Spiagge d'acqua dolce in Friuli: ecco dove fare il bagno

  • Cinque camminate facili a Udine e dintorni, alla ricerca del fresco

  • Aumentano i contagi in Croazia: Lubiana pensa a toglierla dall'elenco dei paesi "sicuri"

  • Moto contro auto a Udine, centuaro in ospedale in gravi condizioni

  • Colto da un malore in moto, deceduto un uomo

Torna su
UdineToday è in caricamento