Pecore cartonate contro l'erba alta, sfalcio eseguito nella rotonda di Manzano

Trattore in azione sulla rotatoria dopo l'ironica provocazione

Fotografie di Nerella Maurencig

Le due pecore cartonate, posizionate giovedì notte da qualche residente giovedì notte, hanno sortito il loro effetto. Erano state posizionate per protestare in maniera pacifica e ironica sul mancato sfalcio dell'erba presente sulla grande rotonda realizzata pochi anni or sono dalla Provincia e posizionata all'uscita di Manzano, nell'incrocio che collega via Braida, via Fornasarig e via Trieste. Erba che, come riferito dai riesidenti "era alta più di un metro, ostacolava la visuale rendendo pericoloso il passaggio ed era simbolo di degrado e incuria", questo, proprio nei giorni in cui a Manzano si festeggia la Festa della Sedia e in cui per l'occasione si è provveduto ad uno sfalcio generale nelle strade ed aiuole di tutto il paese.

Il gesto, ripreso anche dalla stampa locale, ha subito messo in moto la macchina regionale, competente sul tratto, e questa mattina ha risposto mandando sulla rotatoria un addetto (comunale?) munito di trattore. In poche ore il tecnico ha provveduto a tagliare l'erba a regola d'arte e a rendere nuovamente sicuro il passaggio per gli automobilisti che vogliono immettersi sulla strada regionale 56 per Trieste o sulla provinciale 78 in direzione di Mortegliano.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

pecore rotonda2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • A Udine Rc auto più basse del 7%: il record va a una donna che guida una Yaris

Torna su
UdineToday è in caricamento