Di Bernardo ci ripensa, sarà ancora lui il sindaco di Venzone

Il primo cittadino ha ritirato in extremis le sue dimissioni, date dopo la "scoppola" ricevuta alle regionali. Gaudio nello storico borgo medioevale

Nell'ultimo giorno utile a disposizione, Fabio Di Bernardo ha deciso di re indossare la fascia tricolore. Invocato dai fedeli del consiglio comunale a suon di striscioni e stimolato anche dalle belle parole scritte in una lettera inviata dal prefetto di Udine Vittorio Zappalorto, Fabio Di Bernardo, passato lo sconforto post elezioni (109 preferenze a Venzone e 240 nella circoscrizione), ci ha ripensato e torna nuovamente a gestire la giunta di Venzone in qualità di primo cittadino. E lo fa spiegando quali sono stati i suoi timori, ovvero che le poche preferenze ricevute potessero essere lette come una reale bocciatura dei suoi 4 anni di mandato.

«Le mie dimissioni - spiega Di Bernardo - , confuse dalla maggioranza come atto personale non condiviso, istintivo e legato banalmente alla delusione per il risultato elettorale, nascono invece da una riflessione ben più profonda: l’analisi di una possibile bocciatura dell’operato di governo di maggioranza a quattro anni dal mandato affidatoci. Questo è quello che dovrebbe preoccupare sempre tutti gli amministratori, puntando lo sguardo alle esigenze della comunità, pronti ad ammettere eventuali errori e a correggerli. Un atto di responsabilità che ha portato a una chiave di lettura forse troppo lineare e severa alla luce delle innumerevoli manifestazioni d’affetto giunte subito dopo la notizia delle mie dimissioni dalla carica di Sindaco di Venzone».

Ma a far cambiare idea al sindaco dimissionario è stata proprio la dimostrazione di affetto ricevuta in questi 19 giorni. «Messaggi di stima e calore umano, giunti in molti modi e a vario titolo che rappresentano una conferma e quasi una verifica positiva di fine mandato, che mi ha stimolato a rivedere la mia decisione per restituire tutto l’affetto ricevuto. Ho ritirato le dimissioni come segno di apprezzamento per i gesti di vicinanza che ripagano e che valgono più di qualsiasi vittoria elettorale. Questo è il messaggio da cogliere da parte di tutti noi amministratori. Una rinnovata fiducia che ci riconsegna una grande responsabilità. Con umiltà e senso di appartenenza - coclude il "neosindaco"- ritorno in Municipio ancor più motivato per concludere fino all’ultimo giorno il mandato che mi è stato affidato».

Fabio Di Bernardo si è dimesso, non è più il sindaco di Venzone

"Non mollare, ripensaci!". Cittadini di Venzone al fianco del sindaco dimissionario

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento