Riscoperta lettera di Primo Levi sugli impianti chimici lager nazi

Il lager di Buna-Monowitz nella descrizione di Primo Levi in una lettera dimenticata alla rivista "La chimica e l'industria" del 1947. La ricerca del Comune di Torviscosa ha scoperto rapporti tra Giesen e Birkenau

Nel novembre 1947 il chimico Primo Levi scrive al direttore della rivista scientifica "La chimica e l'industria" per fornire notizie sul campo di annientamento di Buna-Monowitz dove fu internato nel 1944 in Polonia (Il campo di lavoro di Monowitz era uno dei tre campi principali che formavano il complesso situato nelle vicinanze di Auschwitz). È una lettera di cui si erano perse le tracce, riscoperta dal Comune di Torviscosa nell'ambito di una ricerca sulle relazioni tra la SNIA Viscosa e alcuni chimici tedeschi coinvolti con il regime nazista. Levi fu impiegato prima come manovale poi come analista in un laboratorio della IG Farben di cui era responsabile Johann Giesen, già direttore della produzione di combustibili ad Auschwitz. Giesen finirà davanti ai tribunali del dopoguerra come criminale di guerra ma sosterrà di non aver mai sentito parlare di sterminio o crimini; ritenuto non colpevole continuerà a lavorare per IG Farben e poi per la Perfogit, controllata dalla SNIA Viscosa. Le ricerche del Comune nell'archivio storico ex SNIA Viscosa hanno ritrovato brevetti della Perfogit firmati da Johann Giesen.

NEL DETTAGLIO: Noto a tutti come testimone della barbarie nazista e come scrittore di grande intensità, Primo Levi è stato anche un chimico: anzi, la chimica è stata una delle sue prime passioni, la materia dei suoi studi universitari, il suo mestiere prima e dopo la deportazione e la sua occupazione anche all’interno del lager. È quindi nella sua veste di chimico che Primo Levi scrive al direttore della rivista scientifica “La chimica e l’industria” nel novembre del 1947, per fornire alcune “notizie di carattere tecnico” relative al campo di annientamento di Buna-Monowitz in cui era stato internato all’inizio del 1944.

È una lettera che sembra nessuno conosca o ricordi più, nonostante sia coeva alla prima edizione del celeberrimo “Se questo è un uomo”, ed è stata “riscoperta” dal Comune di Torviscosa nell’ambito di una ricerca sulle relazioni tra la SNIA Viscosa e alcuni chimici tedeschi coinvolti con il regime nazista e le sue atrocità. Nella lettera, pubblicata nel n. 12 (dicembre) del 1947 della nota rivista scientifica, Levi descrive il lager e fornisce alcune notizie sulle sue produzioni chimiche: il campo di Monowitz, struttura satellite del più noto campo di Auschwitz, era infatti sede di vari impianti chimici, tra cui uno gigantesco per la produzione di gomma sintetica, la cosiddetta “buna”. Levi racconta di essere stato impiegato dapprima come manovale per lavori di trasporto di materiali e quindi, dopo una sorta di selezione professionale, come analista in uno dei laboratori chimici. Sarà proprio grazie a questo incarico, che viene svolto all’interno del laboratorio relativamente riscaldato, che Levi potrà sopravvivere al rigore dell’inverno 1944/1945. CONTINUA -->

Levi-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Denudati e perquisiti al gelo: l'incubo durante il tour europeo di due musicisti friulani

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

Torna su
UdineToday è in caricamento