Poca pioggia, rinviato lo sgombero e il collaudo del bacino di Corno

L'invaso di laminazione Noax dovrà aspettare rovesci ben più intensi per essere testato

Troppa poca pioggia e, con il sole di ritorno per i prossimi giorni,l'allagamento previsto tra giovedì 23 febbraio e oggi nei campi fra Corno di Rosazzo e Cividale del Friuli è saltato.  Il test di riempimento dell'invaso attraverso lo sbarramento di laminazione Noax sul torrente Corno è stato rinviato a data da destinarsi ma dovrà essere effettuato prima della prossima estate. Stop da ieri allo sgombero, dunque, e al divieto di transito, ai veicoli e alle persone, nelle strade all'interno della zona compresa tra i tre paesi, Corno di Rosazzo, San Giovanni al Natisone e Chiopris-Viscone, in cui era stato annunciato lo stato di allerta.

Le future verifiche dello sbarramento saranno necessari per valutare più fattori: la stabilità strutturale dell’opera durante le fasi di invaso e svaso; la stabilità delle sponde del bacino per tutta la durata delle attività di collaudo; e la stabilità e adeguatezza delle opere di convogliamento delle portate scaricate. Lo sbarramento,alto 10 metri, lungo 200 e realizzato in calcestruzzo armato a forma arcuata, prevede un accumulo di 400.000 metri cubi di acqua utile a impedire l’esondazione del corso d’acqua nei Comuni di Corno di Rosazzo, Chiopris e San Giovanni al Natisone, in particolare nell’abitato di Dolegnano. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • I luoghi di Friuli Doc 2019: le mappe con tutte le informazioni

Torna su
UdineToday è in caricamento