FOTONOTIZIA: A Remanzacco una scultura -panchina contro la violenza sulle donne

Un elemento urbano di comunicazione sociale contro la violenza sulle donne. Un mezzo attraverso il quale denunciare le infinite forme di abuso nella società. Un luogo di condivisione e al tempo stesso di espressione e contestazione. È “Il coraggio di uscire dal silenzio”, la nuova creazione firmata Atelier Borella, una scultura-panchina voluta e commissionata dal Comune di Remanzacco  per la propria comunità e non solo, che è stata inaugurata sabato 24 novembre, alla vigilia della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Da anni, infatti, l’Amministrazione Comunale di Remanzacco, in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità, organizza eventi per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche di genere e quest’anno, in occasione della ricorrenza del 25 novembre, ha deciso di realizzare un progetto che si protraesse nel tempo, “per quell’opera artistica che è la donna”, come ha specificato il sindaco Daniela Briz.  “Con questa installazione desideriamo che ogni giorno ci si ricordi del rispetto dovuto alle donne. È fondamentale che questo concetto si instilli nelle coscienze dei giovani, futuri compagni e mariti. Abbiamo volutamente collocato la panchina davanti alla sede municipale per sottolineare il ruolo delle istituzioni in questa missione sociale e ci auguriamo che il progetto sia mutuato da altre amministrazioni, capaci di coglierne il valore simbolico accanto alla piacevolezza estetica.” 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento