Il raduno degli hippie sullo Judrio diventa un caso nazionale

Valli del Natisone prese d'assalto per il "Rainbow". Ma i residenti dei comuni limitrofi protestano e la notizia fa il giro d'Italia

La zona di Ponte Misecco

L'evento "Raibow", che ha richiamato 1500 persone nelle Valli del Natisone, molte delle quali hanno deciso di trascorrere l'appuntamento in maniera totalmente naturista, ovvero senza vestiti, è diventato un caso nazionale. La notizia ha fatto il giro d'Italia ed è stata ripresa da numerosi canali mediatici.

Il motivo? Più che altro le proteste di sindaci e residenti, contrari alla "visione" di decine di corpi nudi che si sarebbero spostati anche lungo le vie dei paesi limitrofi a Stregna, il territorio in cui si sta svolgendo l'incontro dalla durata di 15 giorni. Ma gli hippie, a quanto pare, non hanno infranto le regole come ha riferito al Corriere della Sera (che ha parlato di "rivolta contro il raduno") il sindaco di Prepotto Forti, assicurando di avere parlato anche con i carabinieri. Eppure non si può fare nulla perchè "non è stata infranta nessuna legge".

Le sponde del fiume Judrio sono state prese d'assalto da decine e decine di persone per un raduno hippie. L'appunamento ha finora richiamato 1500 persone che, questione abbigliamento a parte, rispettano alcune regole: niente telefonini e soldi, per una vera esperienza naturista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento