Pulfero: primo asilo senza confini in collaborazione con Caporetto

Dalla Regione Friuli Venezia Giulia 40mila euro per mettere a norma la ex-scuola elementare di Pulfero, il primo asilo senza confine. Oltre ogni distanza, fisica e culturale: i bambini protagonisti attivi del cambiamento

L’asilo senza confini Friuli/Slovenia, primo in assoluto nel suo genere, diventerà realtà a Pulfero (Ud) grazie allo stanziamento di 40mila euro concesso per il progetto dalla Regione Fvg, con compartecipazione del Municipio di Pulfero. “Con il fondo - spiega il sindaco, Piergiorgio Domenis - avvieremo le necessarie opere di adeguamento e messa in sicurezza della ex-scuola elementare, immobile che abbiamo individuato per quest’iniziativa del tutto innovativa”. Per arrivare al taglio del nastro sarà necessario reperire altri contributi, da destinare all’acquisto degli arredi ma ormai il piano è stato avviato. Una volta chiuso il cantiere, l’amministrazione comunale di Pulfero affiderà a una realtà esterna competente la gestione l’asilo di confine.

L'ex scuola elementare di Pulfero

“Per le mamme e i papà delle Valli del Natisone, ma non solo, per la parte italiana, e per le famiglie di Caporetto e che in generale vivono nella vicina area slovena di confine, il nuovo asilo rappresenta una grande opportunità - sottolinea Domenis - : i loro figli non conosceranno il confine, come concetto culturale negativo e di divisione, ma cresceranno con un naturale senso di integrazione tra comunità, così come deve essere in seno a un’Europa che si dice e si vuole unita. L’asilo, inoltre, costituirà un importante freno allo spopolamento di questa parte della montagna della nostra regione: con un servizio del genere, infatti, si offre la possibilità ai genitori di risiedere nelle Valli, con la garanzia di un asilo per i loro figli piccoli in zona”.

L’idea dell’asilo senza confini è stata del primo cittadino di Pulfero ed è stata subito sposata dalla collega di Caporetto/Kobarid, Darja Hauptman. I due sindaci, per questo avevano sottoscritto una lettera di intenti per l’avvio del progetto che oggi diventa realtà e li vede uniti nella realizzazione di un percorso che porterà non solo alla creazione di un asilo nido ma anche una casa di riposo transfrontalieria a Caporetto. Bambini e nonni, memoria e futuro, quindi, sono i protagonisti del cambiamento. Il fine è quello di abbattere ogni tipo di limes, senza dimenticare la storia né le traduzioni che contraddistinguono i due Paesi. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Truffa del postamat, denunciato un uomo

  • Politica

    Zullo a Confartigianato: “i fondi europei sono un’opportunità da cogliere”

  • Sport

    Udinese-Spal 3:2 | Tre punti d'oro che valgono la salvezza

  • Cronaca

    Le porte aperte su Borgo Stazione, come un'inaugurazione ha cambiato volto al quartiere

I più letti della settimana

  • Ritrovata morta nel bagagliaio dell'auto, era scomparsa da settimane

  • Incidente mortale in autostrada nel tratto tra Villesse e Palmanova

  • Carabiniere tamponato da una moto, chiama i soccorsi ma non arriva nessuno

  • Sigilli al resort di lusso che doveva inaugurare a Lignano a fine mese

  • Due giovani madri se le suonano di santa ragione nel giorno della festa della mamma

  • La serie tv del Mostro di Udine dalla prossima settimana su Sky

Torna su
UdineToday è in caricamento