E' tornato a scuola il ragazzo friulano accusato di terrorismo

Nessuno nel suo istituto è al corrente della sua identità e del fatto che da tempo gestiva chat e canali Telegram per istigare alla Jihad e fornire istruzioni pratiche per portare a termine attentati“

Lo studente minorenne friulano di origini algerine, accusato di terrorismo dalla Polizia per propaganda jihadista in rete, oggi è tornato a scuola come se si trattasse di un giorno qualunque. Il ragazzo sta infatti frequentando, con ottimi risultati, i primi anni di una scuola superiore in Friuli. Nessuno tra il personale docente è stato informato della denuncia a suo carico e dell'indagine portata avanti da un anno dalla Polizia Postale di Trieste e dalla Digos di Udine.

Il giovane, che da tempo gestiva chat e canali Telegram per istigare alla Jihad e fornire istruzioni pratiche per portare a termine attentati, da giorni viene seguito da personale specializzato che per la prima volta in Italia lo stanno sottoponendo ad un percorso di deradicalizzazione. 

Terrorismo: il giovane voleva realizzare un attentato nella sua scuola

Cyberterrorismo: chiusa chat pro-Isis gestita da minorenne friulano 

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Le piscine a Udine e dintorni: dove andare per rinfrescarsi in acqua

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Malga Montasio: tutto quello che c'è da sapere

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Friuli

  • Scossa di terremoto in Carnia, la terra trema ancora una volta

  • Rubano 3mila euro di birra e cibo alla sagra e si bevono quasi tutto, denunciati

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Nuova forte scossa di terremoto nella notte in Carnia

Torna su
UdineToday è in caricamento