Tarvisio: un progetto di integrazione per 30 profughi minorenni

Il titolare dell'hotel "Il Cervo" Vito Anselmi lancia un progetto per l'inserimento di giovani meno fortunati

Un progetto di integrazione per minorenni profughi di guerra ideato da Vito Anselmi, titolare dell'Hotel Il Cervo di Tarvisio - una struttura con 216 posti letto -. «Il mio primo obiettivo è quello di garantire un futuro a questi ragazzi. Ne accoglierò una trentina, avranno un'ala a loro riservata, con un ingresso indipendente. Saranno vestiti, come in un college, e formati per consentire loro di possedere le arti di un mestiere. Saranno controllati a livello sanitario in modo peculiare. Dopo due anni, potranno essere in grado di inserirsi nel tessuto sociale. Il nostro hotel gode per fortuna di ottima saluta economica, i bilanci sono in ordine. Ho deciso di affrontare questa scelta e le sue conseguenze perché mi sento di doverlo e poterlo fare, ottenendo i denari solo per coprire le spese, senza nessun guadagno. Tarvisio potrà così divenire l'esempio, a livello nazionale, di un nuovo modello di integrazione. Con questi crismi, creando una sorta di college di formazione ed educazione alla nostra cultura, siamo in grado di offrire ai ragazzi un futuro» ha sottolineato Anselmi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anselmi, 81 anni, ex sindaco di Tarvisio per due mandati, ha ufficializzato il tutto a margine di un evento culturale dedicato proprio ai bambini, nel suo hotel, dopo l'incontro, avvenuto sabato, con il prefetto di Udine, Vittorio Zappalorto e l'assessore regionale Gianni Torrenti: «Ho incontrato l'assessore e il prefetto, insieme al sindaco di Tarvisio, Renato Carlantoni, ci siamo impegnati tutti, affinché questo progetto possa divenire modello nazionale, se, come me, anche altri, in Italia o all'estero, si impegnassero in questo modo: offrendo un piano di integrazione vero, potremmo fare la differenza noi italiani, da sempre popolo di migranti, e di persone di cuore. Usando però metodo, e razionalità, come penso di avere fatto, nella costruzione di un piano di integrazione come questo, valido e soprattutto concreto nella sua attuazione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

  • Incendio nella notte alle porte di Udine, in fiamme un locale

Torna su
UdineToday è in caricamento