Genitori indisciplinati e 1010 punti della patente tolti in una settimana

143 le multe per elevata velocità da parte della Polizia stradale di Udine e c'è anche chi sfreccia a 149 chilometri orari in viale Tricesimo

A seguito della intensificazione dei servizi di controllo disposti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale delle Specialità e dal Servizio Polizia Stradale, al fine di prevenire e reprimere fenomeni criminosi, nella settimana dall’1 al 7 aprile 2019 le pattuglie in servizio di vigilanza della Sezione Polizia stradale di Udine, hanno controllato 1018 veicoli, 359 persone sono state sottoposte ad accertamenti con etilometro o precursore, 470 sono state le infrazioni complessivamente elevate con 1010 punti decurtati; le patenti di guida ritirate sono state 18, le carte di circolazione 14.

La sicurezza dei più piccoli

Durante i servizi attuati per contrastare il fenomeno del mancato uso delle cinture di sicurezza, sono state elevate 34 infrazioni. Dall’inizio anno, sono state ben 393 le sanzioni e tra queste vi sono, purtroppo, alcune  sanzioni elevate a genitori “smemorati che dimenticano” di allacciare i figli ai sistemi di ritenuta, obbligatori per legge finché il pargolo non raggiunge l’altezza di un metro e mezzo. Il Comando di Polizia Stradale di Udine si è focalizzato sulla sicurezza dei minori, con conseguenze pesanti per gli adulti inosservanti delle regole, contemporaneamente ad una incalzante attività di educazione e prevenzione svolta nelle scuole  durante l’anno scolastico 2018-2019.

Genitori multati

La Polstrada ha potenziato i servizi mirati sui bimbi in macchina concentrando le verifiche sulle principali arterie caratterizzate da alto scorrimento ed alta incidentalità. Anche nell’ultima settimana è stata contravvenzionata una madre che circolava con il figlioletto minore, di statura inferiore a metro 1,5, senza che lo stesso fosse agganciato al sedile. Tale comportamento è risultato ancora più grave in quanto già in precedenza la signora era stata fermata e sanzionata per lo stesso comportamento. L’aspetto allarmante infatti è il numero consistente di genitori, già contravvenzionati in precedenza, che sono stati sorpresi una seconda volta ad essere incuranti dell’incolumità dei figli: per i recidivi è scattato, oltre alla decurtazione di 5 punti, il ritiro immediato della patente, per la successiva sospensione stabilita dalla Prefettura che può variare da 15 giorni a due mesi. Da notare che il Ministero dell’Interno ha impartito direttive alla Polstrada per eseguire questi controlli anche con pattuglie in borghese. Mentre ricordiamo che dal primo luglio 2018 è entrato in vigore l’obbligo, per i genitori, di dotarsi del dispositivo anti-abbandono per i minori fino ai 4 anni (ma si attendono i decreti attuativi).

A 149 chilometri orari 

Nei primi giorni della settimana, è partita la campagna denominata Tispol  “Speed” nata per contrastare efficacemente il superamento dei limiti di velocità da parte dei conducenti dei veicoli. 143 sono state le contravvenzioni irrorate nell’ultima settimana e non sono mancati i casi eclatanti. Ad esempio sulla Statale 13, all’altezza del comune di Udine,  gli agenti si sono visti sfrecciare davanti, nell’arco di mezz’ora, due veicoli che procedevano alla velocità di 149 chilometri orari, in un tratto di strada con limite 90. Una volta fermati, ai conducenti è stata immediatamente ritirata la patente. Stessa sorte è toccata ad un automobilista in A4, all’altezza del cantiere per la costruzione della terza corsia, su di un tratto con limite di 80 chilometri all'ora. Lo stesso, nonostante l’orario di traffico intenso – erano le 16.20 -  circolava superando di 50 il limite previsto, incurante del pericolo. 

Mezzi pesanti

Nella settimana appena iniziata, verranno attuati specifici controlli finalizzati al accertamento del rispetto delle regole e delle autorizzazioni dei mezzi che trasportano sostanze alimentari e dei mezzi pesanti, in particolar modo sul rispetto delle ore di guida e della revisione periodica dei veicoli in circolazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Al Sud non servono patenti, caschi, assicurazioni, bici con acceleratore, bolli, associazioni, non ci sono limiti di velocità e gli scooter sono omologati per 8 persone...... Fate cassa solo da noi come sempre!!

  • vedrai che capiscono quando devono mettere mano al portafoglio...

  • Aiutiamoli a casa loro

  • Concordo

  • Bravi, bravi, bravi. A suon di contravvenzioni tutti i Cittadini impareranno che la disciplina è un dovere civile , RISPETTARE per essere rispettati, la premura e la facilità di comportamento per il 99% dei casi sono abitudini senza giustificazione. Brave le Forze dell'ordine così ritorneremo ad essere un Paese Civile dove il Rispetto ha un GRANDE significato .

    • lo facessero in tutta Italia!!! Voglio vedere se a Napoli multano per le cinture! Per quanto mi riguarda non è un problema perché la metto per abitudine però in un Paese civile le regole vengono fatte rispettare a tutti.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto nelle notte, feriti 4 ragazzi friulani

  • Cronaca

    Papà si distrae un attimo e perde la figlioletta

  • Cronaca

    Furti in auto: i ladri colpiscono in città e in provincia

  • Cronaca

    Fischi e insulti per il sindaco Fontanini, lui risponde con "Viva la Resistenza, vive il Friûl"

I più letti della settimana

  • Due morti in A23 in un tamponamento a catena

  • Scontro in Veneto, grave un 23enne dj friulano

  • Due donne sono le vittime del terribile incidente autostradale sulla A23

  • Carne bandita, a Pasquetta si inaugura il primo borgo vegano d'Italia

  • Si scontrano auto e moto, centuaro elitrasportato in ospedale

  • Incidente mortale sulla A23, scontro tra un camper e un'auto

Torna su
UdineToday è in caricamento