Un anno di violenze contro l'ex compagna, picchiata anche in gravidanza

Un cittadino romeno classe 1988 si è visto notificare il divieto di avvicinamento alla donna e alla figlia

Divieto di avvicinamento per maltrattamenti in famiglia. È questo il provvedimento oggetto di un’ordinanza emessa nei confronti di un cittadino rumeno - pluripregiudicato,  classe 1988 - a cui i carabinieri della stazione di Campoformido hanno dato esecuzione ieri. All’uomo, residente nel comune alle porte di Udine, è stato impedito l’avvicinamento all'ex convivente, di nazionalità ucraina, alla figlia di un anno e ai luoghi frequentati da entrambe.

L’inizio

La vicenda iniziò circa un anno fa quando, dopo essersi frequentati per diverso tempo, i componenti della coppia si trasferiscono in una casa a Udine. Lì iniziarono i maltrattamenti nei confronti della donna, anche durante la gravidanza.

La separazione

Le situazioni non vennero mai denunciate dalla donna, nemmeno dopo un intervento dei carabinieri in seguito a un litigio. Il disagio poi proseguì, fino a quando la vittima decise di separarsi definitivamente dal compagno, già soggetto a diverse condanne, e di cacciarlo da casa.

La rabbia

Il rapporto tra i due, nonostante la lontananza, ha continuato ad essere complicato. La rabbia dell'uomo, che non ha accettato la separazione, si è acuita e non è stata mai nascosta durante gli incontri - sporadici -dettati dallo scambio della figlia. 

La svolta

Lo scorso otto marzo si è verificato un nuovo grave episodio. In occasione della consegna della figlia l’uomo, in preda alla rabbia, ha iniziato a colpire violentemente la donna con una serie ripetuta di schiaffi, calci e pugni. Tutto questo mentre la malcapitata provava a proteggere la bimba che teneva ancora in braccio. 

La denuncia

Dopo quest'ennesima aggressione la donna ha trovato finalmente il coraggio di chiamare i carabinieri e chiedere aiuto. Dopo l'intervento dei militari dell’Arma la donna ha iniziato a raccontare tutte le violenze subite durante la convivenza, e la successiva separazione. Ha testimoniato anche di episodi in cui è stata minacciata con un coltello. 

La perquisizione

La successiva  perquisizione dei militari ha permesso il sequestro dell'arma e la disposizione dell'ordinanza di divieto di avvicinamento emessa dal giudice competente. 

Un’altra denuncia

L’uomo, essendo in affidamento ai servizi sociali e avendo dovuto svolgere dei lavori socialmente utili che non ha mai portato a compimento, è stato denunciato anche per questa omissione, con il conseguente arresto e la conduzione in carcere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

Torna su
UdineToday è in caricamento