Tav, il Friuli Venezia Giulia apre alla "terza via"

Seguendo l'esempio del Veneto, che ha giudicato l'affiancamento alla linea esistente la soluzione migliore, la Giunta regionale ha chiesto un’integrazione progettuale al tracciato alternativo nel tratto tra il Tagliamento e Cervignano

Il Veneto, giustificando la scelta con un impatto ambientale inferiore, apre la “terza via” della Tav, e la cosa piace anche al Friuli Venezia Giulia, che chiede un’integrazione progettuale al tracciato alternativo nel tratto tra il Tagliamento e Cervignano, in affiancamento alla linea ferroviaria già esistente. Lo ha deliberato ieri la giunta Serracchiani, su proposta dell’assessore regionale Sara Vito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si cerca quindi un percorso alternativo, tenendo in debita considerazione il fatto che la giunta regionale del Veneto, in un proprio atto di indirizzo all’inizio di ottobre, ha optato per l’affiancamento alla linea esistente.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Due fratelli si armano di coraggio e iniziano la loro nuova attività durante il Coronavirus

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

Torna su
UdineToday è in caricamento