Niente aria condizionata in ospedale, la struttura: «Facendo così gli salviamo la vita»

Il racconto di una paziente ricoverata in pneumologia e le repliche del Santa Maria della Misericordia

Uno dei ventilatori installati nel reparto

«Non c’è l’aria condizionata, dobbiamo arrangiarci con dei ventilatori. Non siamo in una spa, dove si fanno le saune, ma in ospedale». Il racconto è di una degente del padiglione 8 del Santa Maria della Misericordia, una 57enne udinese. La donna, ricoverata da lunedì in pneumologia per una crisi asmatica, lamenta la questione caldo e la mancanza di un sistema di refrigerazione.

L'ospedale

La replica della direzione è chiara: «Facciamo così da sempre. Com’è possibile climatizzare in condizioni di salute del genere, viste le patologie di cui soffrono i ricoverati in quel reparto? Se adottassimo la climatizzazione metteremmo a repentaglio la vita dei ricoverati, e non è di certo questo il nostro mestiere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento