Palmanova, ArtBonus: restaurate le 11 statue di Piazza Grande

Presentato l’intervento conservativo sulle statue dei provveditori Generali di Palma

Sono stati ufficialmente inaugurati oggi i lavori di pulizia e conservazione realizzati sulle 11 statue dei Provveditori Generali di Palma che circondano Piazza Grande. “Una significativa esperienza di intervento economico da parte di un’azienda privata, la Cesped spa, sui beni culturali della Città Stellata. Non posso che ringraziarli per aver risposto al nostro appello, unica tra le 500 aziende contattate. Hanno aiutato non solo Palmanova ma un’intera comunità. Questo intervento è stato reso possibile dalla loro generosità e dal decreto ministeriale Art Bonus che offre alle imprese e ai cittadini lo strumento di credito d’imposta per sostenere con donazioni liberali la salvaguardia dell’enorme patrimonio pubblico del nostro Paese”, così il Sindaco di Palmanova Francesco Martines durante la presentazione ufficiale, alla quale erano presenti anche l’assessore regionale alla cultura Gianni Torrenti, l’assessore regionale al territorio Mariagrazia Santoro e i rappresentanti di Cesped spa, il Presidente Rofoldo Flebus e gli amministratori delegati Giorgio Flego e Lucia Roberto.

Per l’occasione il Comune ha deciso di realizzare una pubblicazione che racchiude tutte le specifiche tecniche sui lavori eseguiti oltre ad una relazione storica sulla figura del Provveditore Generale. L’intervento ha visto la pulitura e levigatura delle superfici marmoree, il trattamento delle opere con stucchi e resine per riparare le strutture danneggiate, la nebulizzazione di un protettivo a cui è stato aggiunto il biocida per limitare l’azione corrosiva degli agenti atmosferici e dei microroganismi. Il precedente intervento sulle statue risale al 1998. A ventanni di distanza si è resa necessaria quest’ulteriore attività di recupero.

“Con la sua risposta l’azienda Cesped spa di Pavia di Udine ha concretamente dimostrato una grande attenzione e sensibilità nei confronti della realtà culturale della città con l’elargizione di una significativa somma. Per questo non possiamo che ringraziare il Presidente e tutto il suo Consiglio di Amministrazione per aver scelto di indirizzare, con questo atto di amicizia, il proprio sguardo sull’eredità di un passato comune. Il ringraziamento deve andare anche alla ditta A.Re.Con snc che ha realizzato i lavori e ad Alberto Prelli e Gabriella del Frate per il supporto dal punto di vista storico” aggiunge l’Amministrazione Comunale.

“La ristruttuturazione delle Statue dei Provveditori che sorvegliano la meravigliosa Piazza Grande è stata per Cesped un’occasione per poter contribuire alla conservazione della Bellezza e della Cultura storica del nostro Paese, una bellezza universalmente riconosciuta con la recente entrata della città stellata fra i Patrimoni Mondiali dell’UNESCO. Il Patrimonio artistico è l’eredità più preziosa che potessimo ricevere dal passato, tuttavia ci pone anche di fronte ad un’enorme responsabilità, sia verso i nostri predecessori che verso i posteri. Una responsabilità che nel caso di Cesped e del Comune di Palmanova si sposa con un forte senso di appartenenza al territorio, un dovere verso la comunità e, perché no, anche un piacere spinto da una particolare attenzione ai valori artistici”, fa sapere ufficialmente Cesped spa, ditta specializzata nel trasporto e logistica.

Gianni Torrenti, assessore regionale alla cultura ha aggiunto: “Ringrazio Cesped, sperando sia un esempio imitato di responsabilita sociale. È necessario che le comunità riprendano una relazione con le imprese, e viceversa. La conservazione di un bene culturale è uno strumento per comunicare un territorio e l’intervento di privati ed imprese è fondamentale per valorizzarlo. Quello di oggi è un segnale importante. Speriamo che altre realtà seguano questo esempio. In questi anni la Regione ha duplicato i fondi destinati alla cultura, soprattutto quelli destinati alla conservazione del patrimonio e dei beni culturali”.

I Provveditori Generali erano la massima carica militare e civile in Fortezza. Dal 1593 al 1797 si sono susseguiti 107 provveditori, otto dei quali diventarono Dogi di Venezia. Undici di questi sono raffigurati dalle statue presenti nella Piazza D’armi della Fortezza di Palmanova. Alcune di queste opere d’arte raffigurano personaggi la cui origine è ancora incerta e discussa tra gli storici. La più nota è la figura di Marc’Antonio Barbaro, primo provveditore di Palma, che si trova proprio di fronte alla Loggia della Gran Guardia.

Nel 2016, il Comune di Palmanova ha individuato tre progetti sui quali destinare il mecenatismo dell’Art Bonus: il restauro della facciata di Palazzo Nicolò Trevisan, la riqualificazione delle superifici interne della Loggia dei mercanti in Piazza Grande e, per l’appunto, le undici statue dei provveditori generali. Più di 500 imprese regionali furono invitate a partecipare al recupero di alcuni dei beni della Fortezza. I primi due interventi sono ancora in attesa di un mecenate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Si sente male mentre è al bar, malore fatale per un 59enne

  • Udine trasgressiva, le escort raccontano le abitudini dei friulani

Torna su
UdineToday è in caricamento