Schianto di Caorle, uno dei due occupanti era il professor Vescovo

Originario di Verona, viveva a Latisana e insegnava "Campi elettromagnetici" alla Facoltà di ingegneria dell'Università di Trieste

Roberto Guglielmo Vescovo

È Guglielmo Roberto Vescovo, residente a Latisana, una delle due vittime dell’incidente aereo del primo pomeriggio di oggi a Caorle, in provincia di Venezia. Vescovo, originario di Verona,  era professore associato di “Campi elettromagnetici” alla Facoltà di ingegneria dell’Università degli studi di Trieste e viaggiava in compagnia di Franco Mura,istruttore originario della zona di Chioggia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’incidente

Alle 13.45, i vigili del fuoco sono intervenuti a seguito dell'incidente appena fuori l’elisuperficie della località balneare veneziana a causa dello schianto di un SIAI Marchetti SF 260. Il personale medico ha purtroppo solo potuto constatare il decesso dei due uomini a bordo del monomotore. Le cause dell'incidente sono al vaglio degli inquirenti. Nelle prossime ore, infatti, gli adetti ai lavori analizzeranno le parti restanti dell'aereo da cui potrebbero emergere le cause dello schianto dove, al momento, le ipotesi più accreditate fanno pensare ad un guasto o ad un errore umano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Carlo Cracco stringe una collaborazione con un'azienda friulana

Torna su
UdineToday è in caricamento