La morte di Erik Tuan, Telesca: «Sbagliato collegarla alla riforma sanitaria »

Per l'assessore regionale la tragedia è figlia della struttura precedente: «Abbiamo previsto una più razionale distribuzione delle risorse. Chi oggi vuol far credere che tutto dipenda dal riordino della sanità sa bene che finora a Cividale nulla è ancora cambiato perché l'attuazione della riforma è prevista nel corso di quest'anno»

«Sento anche umanamente il bisogno di unirmi al dolore della famiglia Tuan e di impegnarmi, in prima persona, ad avviare un'attenta analisi e una riflessione sull'accaduto per fare in modo che mai più possano succedere fatti simili. Nessuna parola, nessuna spiegazione e nessuna motivazione potranno essere di conforto a chi ha visto un proprio caro perdere la vita in un modo così drammatico».

È così che  l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca ha commentato la morte di Erik Tuan. «Alla  moglie, alla figlioletta, ai genitori di Erik esprimo il mio più profondo cordoglio», ha affermato l'assessore. In merito poi alle accuse che quanto accaduto sia in qualche modo connesso alla recente riforma sanitaria, l'assessore ha sottolineato come sia «sbagliato e pretestuoso collegare questo fatto al riordino della sanità. La riforma sanitaria non solo non c'entra ma anche a seguito di ciò che è accaduto si dimostra sempre più necessaria, perché prevede il potenziamento dell'assistenza nei territori anche  attraverso l'adozione della rete dell'emergenza. Abbiamo previsto più mezzi e una loro migliore dislocazione. Abbiamo previsto una più razionale distribuzione delle risorse. Chi oggi vuol far credere che tutto dipenda dal riordino della sanità sa bene che finora a Cividale nulla è ancora cambiato perché l'attuazione della riforma è prevista nel corso di quest'anno. Questa tragedia si è verificata mentre ancora è in piedi l'organizzazione precedente alla riforma stessa e quindi ci spinge ad accelerarne l'attuazione proprio per evitare che possano ripetersi drammi come la morte di Erik».

In sostanza l'assessore regionale alla Salute spiega «con rammarico ma la verità è questa» che «questa tragedia è da circoscrivere all'interno della gestione ospedaliera delle emergenze. Ogni ruolo presuppone un'accettazione di responsabilità. Di fronte all'improvvisa assenza di quattro infermieri nello stesso servizio, nell'ambito dell'Azienda si è assunta la decisione di non far partire un mezzo. Decisione giusta? Sbagliata? Ogni giorno chi dirige i grandi ospedali si trova a fronteggiare le più diverse situazioni e a fare delle scelte. Per quanto ci riguarda, la Regione ora dovrà valutare a fondo quanto accaduto per accertare eventuali responsabilità. Non servirà a riportare in vita Erik. Non servirà a ridare un marito, un padre, un figlio. Ma dovrà servire a far sì che la morte di Erik rimanga un unico, tragico fatto isolato».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bambina di due anni cade dal balcone e fa un volo di tre metri

  • Eventi

    Udine ha di nuovo la sua arena estiva, 60 film in programma al giardino "Loris Fortuna"

  • Incidenti stradali

    Scontro tra scooter e auto a Terenzano, 17enne ferito gravemente

  • Cronaca

    «Ricoverata in ospedale a causa delle vibrazioni che fanno ballare la casa»

I più letti della settimana

  • Overdose per un 22enne, muore nello scantinato dei parenti

  • All'estero mentre percepivano la disoccupazione, nei guai 30 persone

  • Incidente a Collalto di Tarcento, morto il motociclista coinvolto

  • Incidente a Collalto di Tarcento: grave un motociclista

  • Chiude per sempre la serranda viola, fallita la Lavanda di Venzone

  • Sprofonda nel letame e rischia di morire, salvato dal vicino di casa

Torna su
UdineToday è in caricamento