Terremoto nei media della Diocesi di Udine, via due direttori

Avvicendamenti a Radio Spazio 103 e La Vita Cattolica. Unificate le due redazioni in base alle nuove indicazioni del super consulente Dino Boffo, che - di fatto - sarà il nuovo direttore editoriale "semi occulto" della curia udinese

Sotto le indicazioni del consulente esterno Dino Boffo (l'ex direttore dell'Avvenire diventato poi indirettamente celebre per le false accuse che Vittorio Feltri gli rivolse su Il Giornale dopo che osò criticare l'allora premier Berlusconi - il trattamento del quotidiano fu poi definito "metodo Boffo"), la Diocesi di Udine ha deciso di rivoluzionare le proprie testate informative e di unificarle sotto un'unica direzione che sarà affidata a monsignor Guido Genero, vicario generale dell’arcidiocesi di Udine.

Vicario sarà il nuovo direttore responsabile del settimanale diocesano “La Vita Cattolica” e dell’emittente “Radio Spazio 103”, subentrando agli eliminati Roberto Pensa e a Marco Tempo. In una nota diffusa dall’Arcidiocesi di Udine, si rileva che “i media cattolici sono ovunque in una fase di necessaria riperimetrazione. Stanno arrivando al pettine, infatti, gli esiti della decennale crisi economica, della vorticosa irruzione dei social, del mutato rapporto di fidelizzazione con il proprio bacino di riferimento”.

Anche nell’arcidiocesi di Udine, evidentemente, le scelte non erano più procrastinabili, in particolar modo dal punto di vista economico (i 5 dipendenti sono già in contratto di solidarietà, ci è stato riferito). Si è scelta dunque una strada che si spera possa in breve tempo portare a riallineare i bilanci e a un fattivo risparmio, mantenendo comunque il patrimonio umano a disposizione.

E' stato quindi deciso di ricondurre sotto un unico soggetto giuridico sia il settimanale ‘La Vita Cattolica’ sia l’emittente ‘Radio Spazio 103’ sia le testate web con i relativi comparti di raccolta pubblicitaria e di affidare tali strumenti ad uno stesso direttore responsabile. "Mons. Andrea Bruno Mazzocato – conclude la nota – confida nella pronta e generosa dedizione di coloro che sono toccati da queste scelte, mentre a tutti chiede di accompagnare con accresciuta simpatia il rilancio dei media diocesani, per il bene della comunità friulana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Denudati e perquisiti al gelo: l'incubo durante il tour europeo di due musicisti friulani

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

  • "Continuate a cenare tranquilli, noi vi rapiniamo casa"

  • Incidente mortale a Faedis, la vittima è il 56enne Michele Cabas

  • Ultrà friulano aggredisce supporter della squadra avversaria e scappa

Torna su
UdineToday è in caricamento