Omicidio Orlando: Mazzega trasferito in carcere a Pordenone

Dopo le proteste dei detenuti di Via Spalato l'omicida della giovane Nadia sarà trasferito in carcere a Pordenone in attesa dell'arrivo del braccialetto elettronico che renderà effettiva la misura degli arresti domiciliari

Nadia Orlando

Francesco Mazzega, il 36enne reoconfesso che il 31 luglio scorso ha ucciso la fidanzata 21enne di Vidulis, Nadia Orlando, sarà trasferito in un altro istituto penitenziario, probabilmente a Pordenone.

La decisione è stata presa ieri dopo le numerose proteste che hanno coinvolto anche le celle di Via Spalato sulla decisione del Tribunale del Riesame di Trieste di concedere la misura cautelare degli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico all'omicida.

Il braccialetto elettronico

Nessun ripensamento, la misura cautelare è stata confermata anche dalla difesa. Il trasferimento è stato disposto in attesa che il Riesame disponga l'integrazione all'ordinanza chiesta dalla Procura e in attesa dell'arrivo del braccialetto elettronico, un periodo, si profila, di circa 20 giorni.

Intanto da Dignano a Muzzana, la protesta silenziosa contro quell'uomo che ha tolto la vita e il sorriso alla giovane Nadia e per la quale il popolo non è disposto ad accettare tempi e modi della giustizia: un nastro rosso e un paio di scarpe dello stesso colore come simbolo della lotta alla violenza sulle donne.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

  • Quali sono gli errori di stile da evitare quando ci si veste?

  • Omicidio Tulissi: Calligaris condannato a 16 anni di reclusione

  • Alla guida con un tasso d'alcol di 5 volte superiore al limite dopo un'allegra domenica a Friuli Doc, fermato

Torna su
UdineToday è in caricamento