Matrimonio finito male in spiaggia a Lignano: la replica del Sindaco

La versione della persona coinvolta, che ha ammesso di aver rivolto parole poco feilice a un pubblico ufficiale, diverge da quella della Polizia municipale. Il primo cittadino Fanotto: "Non rispettare le istituzioni e le regole del vivere civile è sempre un errore e mi auguro che la vicenda possa definirsi conclusa"

Luca Fanotto, primo cittadino lignanese

Il sindaco Luca Fanotto ha invitato e quindi ricevuto ieri la signora Gigliola Taufer negli uffici comunali. Oggetto dell’incontro gli avvenimenti che hanno riguardato un’ospite della signora Taufer – giunta insieme ad amici e famigliari a Lignano Sabbiadoro per una festa di matrimonio - e il comando dei vigili urbani della nostra città.

La versione della signora Taufer è già stata diffusa attraverso una lettera – a firma della stessa signora – fatta circolare e diffusa nei giorni scorsi. Prima dell’incontro di stamani, il sindaco ha chiesto al comando dei vigili una relazione sull’accaduto. Ciò che emerge è che la versione fornita dalla signora Taufer diverge dal rapporto del comando dei vigili. Emerge anche – per stessa ammissione della signora Taufer – che parole poco edificanti sono state da lei indirizzate a un pubblico ufficiale presente in comando.

L’amministrazione comunale e la polizia municipale assicurano di aver seguito tutte le procedure di legge nel trattare la questione. A fine incontro, il sindaco ha dichiarato che non rispettare le istituzioni e le regole del vivere civile sia sempre un errore e si augura che la vicenda possa definirsi conclusa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento