Il giallo di Beivars, dopo 10 mesi Rosetta potrà essere sepolta

Firmato il nulla osta alla sepoltura e di conseguenza al funerale. Sul corpo di Rosetta Quaiattini si sono cercate tracce di Dna

Nuovi sviluppi sul caso irrisolto di Beivars, un giallo su cui le forze dell'ordine indagano ormai da 10 mesi.

La nuova perizia  

Da quanto appreso dall'Ansa, un supplemento di perizia medico-legale è stato disposto dalla Procura ed eseguito nelle scorse settimane sul corpo di Rosetta Quaiattini, la donna di 72 anni uccisa con una profonda ferita d'arma da taglio alla gola e poi bruciata nella sua abitazione di Beivars (Udine) la sera del 25 gennaio scorso. Lo conferma il Procuratore capo di Udine, Antonio De Nicolo. 

Il dna

Da quanto si è saputo l'incarico, affidato a un professionista, era diretto a cercare tracce di Dna e ogni altro elemento utile che potesse indirizzare le indagini verso l'autore del delitto. "Non abbiamo ancora avuto la svolta", precisa il Procuratore. All'esito degli accertamenti la Procura ha firmato il nulla osta per la celebrazione dei funerali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento