Lite al campo di Remanzacco: "Una brutta esperienza, vissuta nell'indifferenza"

Parla la donna coinvolta nella discussione accesa che si è sviluppata durante un match giovanile

La lite e gli insulti, l'appello del presidente e la risposta di una delle persone coinvolte. Non si arresta la polemica su quanto accaduto domenica a Remanzacco, sul campo dell'Aurora. "Tutti hanno torto" ha tenuto a specificare Simone De Rosa, numero uno del club rossoblù, ma non sembra pensarla allo stesso modo una protagonista della vicenda, che ci tiene a esporre la sua versione dei fatti sull'episodio che abbiamo raccontato.

Le dichiarazioni

"Non mi è piaciuto leggere una versione distorta dell’accaduto, non verificata con i diretti interessati. Racconto l’accaduto: mi sono recata al campo per assistere alla partita di calcio di mio figlio. Durante l’intervallo fra primo e secondo tempo mi trovo vicina alla persona che in seguito bersaglierà di insulti gratuiti, offese e soprattutto minacce me e la mia famiglia (figli compresi). Sentendo che la persona in questione esagera con le parole mi avvicino a un gruppo di persone della squadra avversaria segnalando l’accaduto chiedendo di intervenire in qualche modo per calmare il signore. La situazione peggiora invece di migliorare in quanto, chi poteva fare qualcosa fra queste persone ha preferito rimanere indifferente alle mie richieste anzi ha riferito le mie rimostranze all’interessato che si è accanito ancora di più (verbalmente) contro di me e la mia famiglia: questo durante tutto lo svolgimento del secondo tempo; io non rispondevo alle provocazioni e probabilmente lo innervosivo ancora di più. Finita la partita, stanca di quanto accadeva ho risposto alle provocazioni e la cosa è degenerata (forse era proprio quello che il signore voleva) tanto da richiedere l’intervento dei Carabinieri. Voglio si sappia che in questa situazione, contrariamente a quanto scritto, le questioni di gioco non c’entrano affatto (in quanto abbiamo riportato non c'è nessun riferimento a un presunto condizionamento dettato da quello che si è verificato dentro il campo ndr), i ragazzi in campo si sono comportati bene e non si sono neanche accorti dell’accaduto e in nessun momento si è pensato di sospenderla (il fatto è successo a fine partita). E’ stata una brutta esperienza che ho dovuto mio malgrado subire, nell’indifferenza di persone che ripeto, sentivano e potevano intervenire ma hanno preferito rimanere distanti per non venir coinvolti. Ringrazio invece la persona che, con senso civico, ha chiamato le forze dell’ordine. "  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • da esterno... io non c'ero, non conosco e non sono della zona. Leggendo il racconto però che qualcosa non torni. Una persona, senza alcun motivo avrebbe iniziato a bersagliarla di insulti gratuitamente? E ha ricevuto man forte da altre persone? Signora, la racconti giusta...

    • Avatar anonimo di Uam
      Uam

      Ma hai letto l'articolo? Il signore ha iniziato ad insultare l'arbitro e la sua famiglia, e sfiga ha voluto che accanto a lui ci fosse proprio la moglie dell'arbitro.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni comunali in provincia di Udine, la diretta live dei risultati

  • Cronaca

    La lenta camminata sull'albero di Brady, il nuovo ospite dello Zoo di Lignano

  • Eventi

    Gli Offspring si preparano per il concerto di Lignano, il chitarrista Noodles invita i friulani a modo suo!

  • Elezioni

    Elezioni comunali, i candidati unici hanno battuto il quorum: gli eletti

I più letti della settimana

  • Bivio Paradiso: auto fuori strada, un morto e quattro feriti

  • Incidente mortale in autostrada lungo la A4

  • Incidente mortale di Bivio Paradiso, la vittima è la 22enne Gaia Vecchiato

  • Sono due giovani operai le vittime del grave incidente autostradale

  • Tutto quel che c'è da sapere sul concerto di Vasco, parcheggi, trasporti e controlli

  • Dopo le grandi città tursitiche, è Lignano a dotarsi del sistema di self check-in e check-out

Torna su
UdineToday è in caricamento