La Lipu contro Jovanotti, "lui può suonare in spiaggia, ma il fratino non può nidificare nei palasport"

A pochi giorni dall'avvio del Jova Beach Party che debutterà a Lignano Sabbiadoro, la Lega italiana protezione uccelli lancia l'appello affinché venga prestata la massima attenzione e se possibile che vengano annullati i concerti in spiaggia

Jovanotti al suo arrivo sulla spiaggia di Lignano Sabbiadoro

Grandi concerti sì, ma che non manchi il rispetto per il contesto naturale che li ospita. Ancora una volta finiscono nel mirino gli show dei musicisti nei luoghi offerti dalla natura, ultimo in senso cronologico è Jovanotti con il suo Jova Beach Party finito nel mirino della Lipu, Lega italiana protezione uccelli.

Il caso

«Non ce l'abbiamo con la musica ma ci sta a cuore la natura, già sottoposta a troppe pressioni. Le imponenti strutture necessarie allo svolgimento dei concerti, le opere propedeutiche e le decine di migliaia di persone che popoleranno ogni evento rappresentano problemi oggettivi che non possono lasciare insensibili gli organizzatori del tour e lo stesso Jovanotti. Si è ancora in tempo per rinunciare alle date più impattanti e aumentare le attenzioni per tutte le altre».Queste sono le dichiarazioni che arrivano direttamente dalla Lipu a pochi giorni dall'avvio del tour che partirà proprio da Lignano Sabbiadoro, il prossimo 6 luglio.

«Quest’anno siamo ancora in periodo di nidificazione per molte specie animali - dichiara Marco Gustin, responsabile Specie e ricerca della Lipu - che, come il fratino e la tartaruga marina, trovano negli arenili e nelle dune lungo le spiagge il loro unico habitat riproduttivo. Per questa ragione, e considerando che a luglio la nidificazione di queste e altre specie è in una fase ancora molto attiva, il tour rappresenta un motivo di preoccupazione che deve spingere gli organizzatori alla massima attenzione, soprattutto nei riguardi della messa in sicurezza totale degli ambienti sensibili, a cominciare dalle dune e dalla loro vegetazione più preziosa»

Le proteste dei fan

«Molti fan di Jovanotti - dichiara Danilo Selvaggi, Direttore generale della Lipu - ci hanno scritto chiedendo di essere sensibili alle esigenze dell'artista e dei suoi appassionati. La nostra preoccupazione riguarda la natura è il nostro impegno è tutelarla, cercando di far capire a chiunque le sue delicate esigenze. Jovanotti può suonare sulle spiagge ma il fratino non può nidificare nei palasport: se non si coglie questa asimmetria, applicabile a molti altri casi di pressione antropica, non si capisce il dramma che in generale la natura sta vivendo e la richiesta di aiuto che in mille modi ci invia, alla quale davvero nessuno può più sottrarsi».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cede un pezzo di autostrada, A4 chiusa tra Porto e Latisana

  • Operaio trovato morto in casa a soli 42 anni

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • Autovelox verso Lignano senza pietà, multa per un chilometro oltre il limite

Torna su
UdineToday è in caricamento