Udine indossa l'elmetto, oltre 100 cantieri fino a fine 2019

Non solo via Mercatovecchio. Tutto il centro storico sarà coinvolto da una sperimentazione che durerà 6 mesi. Parallelamente ai lavori stradali previsti per fibra ottica, asfalto e porfido nuovo, un folto gruppo di lavoro studierà la viabilità della Udine del futuro che potrebbe rivoluzionare completamente l'attuale assetto. Il piano prevederà nuove piste ciclabili, il completamento della ciclovia Alpe Adria, punti luce e telecamere nei parchi e la riorganizzazione del trasporto pubblico locale e della ztl. Il vicesindaco Michelini chiede ai cittadini di avere molta, molta comprensione: "Chiedo uno sforzo. Sopportate, abbiate pazienza, ma siamo rimasti 20 anni indietro".

Udine città cantiere. Saranno oltre 100 gli interventi che occuperanno le vie della città da qui a tutto l'autunno e l'inverno. I lavori di fibra ottica finiranno entro dicembre, ma nel frattempo decine di operai saranno al lavoro per realizzare nuove rotonde, marciapiedi o per rifare l'asfaltatura e le strade in porfido. Parallelamente ai lavori stradali, un folto gruppo di lavoro studierà la viabilità della Udine del futuro che potrebbe essere completamente rivoluzionata nel suo attuale assetto. Il piano prevederà nuove piste ciclabili, il completamento della ciclovia Alpe Adria, punti luce, nuovi giochi e telecamere nei parchi e la riorganizzazione del trasporto pubblico locale e della ztl. 

Si progetta la Udine del 2020

Dal primo agosto, con l'apertura sperimentale di via Mercatovecchio, un equipe di professionisti, rappresentanti economici, docenti e semplici cittadini, studierà come migliorare definitivamente la viabilità all'interno del ring cittadino, il trasporto pubblico e la regolamentazione per l'accesso nella Zona a traffico limitato. Ad illustrare il possente piano di lavoro che coinvolgerà il capoluogo friulano (in fondo, in allegato, tutto l'elenco delle vie interessate dai lavori), il vicesindaco Loris Michelini che, in una conferenza stampa fiume, ha elencato gli interventi in essere, quelli in partenza da qui fino al 31 dicembre e la ricerca che sarà svolta per cambiare volto alla città. In sostanza, per tutto il 2018 si punterà al centro storico, nel 2019, invece, ci si dedicherà all'hinterland approfittando anche dei comitati di quartiere che nel frattempo saranno attivati. 

Proprio per perseguire questo obiettivo, l'amministrazione ha deciso rimandare al prossimo anno tutti i lavori previsti nei quartieri e di convogliare tutto l'avanzo di bilancio sul ring cittadino e sul nuovo piano viabilità. Sono stati inoltre chiusi molti dei mutui che erano stati accesi dalla giunta Honsell per pagare gli interventi in essere, questo in considerazione del fatto che molti altri finanziamenti verranno chiesti per gli interventi dell'anno venturo, sempre rimanendo in attesa dei fondi che saranno destinati dalla giunta Fedriga. "Chiedo uno sforzo ai cittadini – ha premesso Michelini – chiedo di avere tanta pazienza, perché qui siamo rimasti 20 anni indietro".

Stress test

In concomitanza ai lavori e alle chiusure di alcune vie, tra luglio e agosto alcune strade del cuore cittadino saranno sottoposte a quello che il vicesindaco ha definito “stress test”. Ovvero, saranno valutate le risposte che le arterie aperte daranno in termini di transito, percorribilità e de-congestionamento per capire fino a che punto le strade possono sopportare il traffico durante i cantieri.  

Viabilità circolare e linee dei bus rivoluzionate

L'obiettivo è quello di presentare per il 2019 un nuovo piano della viabilità che coinvolgerà gli autobus, i veicoli e le biciclette. L'idea di partenza è quella di avere un transito principale a linee circolari che sarà sfruttato in particolar modo dalle linee dei bus. Il trasporto pubblico locale vedrà nuove linee di bus, nuovi tragitti e ristudierà i percorsi delle linee esistenti e i collegamenti fra il centro e i quartieri. La loro frequenza di passaggio, per di più, sarà aumentata di 100 chilometri complessivi al giorno. 

Nuova ztl 

“In questi 6 mesi faremo tutte le sperimentazioni possibili – ha aggiunto il vicesindaco -, mentre dal 2019 i cantieri in centro saranno finiti”. Durante questo periodo non solo sarà studiata la nuova mobilità della zona a traffico limitato, ma sarà rivisto daccapo il regolamento per il suo accesso. Sarà modificato, ad esempio, la modalità dei permessi, in particolar modo di quelli “volanti”. Nel frattempo le telecamere poste ai varchi saranno sempre ferme dal primo agosto.

L'elenco dei cantieri nelle vie principali

In via Aquileia il cantiere prenderà vita dopo Friuli Doc, verso ottobre, dopo uno studio geologico che sarà effettuato per capire le problematiche del cedimento cui è soggetta la via. Un continuo abbassamento dovuto probabilmente alla presenza di acqua di risorgive nel sottosuolo.  In Piazza Patriarcato si lavorerà fino al 15 luglio, poi per tre settimane gli operai saranno impegnati a concludere l'asfaltatura di viale Ungheria, prima nella carreggiata di destra, poi in quella a sinistra.  In via Poscolle i lavori termineranno a metà agosto, in via Grazzano il 20 luglio. Via San Francesco sarà chiusa da fine luglio a fine agosto. In via Gemona, che subirà degli interventi ai marciapiedi e in vari tratti della carreggiata, il cantiere inizierà a fine agosto e si protrarrà fino a metà settembre. I lavori per rifare l'asfalto di via Marco Volpe inizieranno a metà luglio e dureranno una settimana; in via Caccia il cantiere partirà a fine luglio e durerà due settimane; il 21 e 22 luglio si interverrà in Piazzale Cella;  da fine agosto fino ad inizio settembre si lavorerà per la fibra ottica in viale Volontari Libertà; in via Del Bon cominceranno a inizio settembre i lavori che saranno eseguiti in più tratti. In via Pordenone a fino agosto e in un tratto di viale Venezia la prima settimana di agosto. Altri interventi saranno eseguiti i via Cussignacco per riparare dei marciapiedi ammalorati che hanno già creato diverse cause e richieste di risarcimento. Sarà creata a fine luglio la piccola rotatoria tra via San Rocco e via Gebelli, cui seguirà una seconda, sempre lungo la parallela di viale Venezia. Infine, la rotatoria del Panorama di viale Palmanova sarà realizzata entro fine luglio, mentre il Comune a settembre farà i marciapiedi verso via Melegnano.

L'intervista a Loris Michelini

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'idea: via Mercatovecchio si trasformi in spazio verde urbano

La proposta dell'architetto 29enne Andrea Fabris per il futuro della storica arteria che dal primo agosto riaprirà al traffico veicolare

L'idea: via Mercatovecchio si trasformi in spazio verde urbano-2

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • È friulano il miglior tiramisù d'Europa

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Si accorge del monossido e salva i colleghi dall'intossicazione mortale

Torna su
UdineToday è in caricamento