Latte "tossico" in tutta Italia: in carcere il presidente di Cospalat

Secondo le accuse della Procura di Udine il consorzio avrebbe distribuito in tutta la penisola grossi quantitativi di latte con un tasso fuori norma di aflatossine, un fungo tra i più cancerogeni. Sette persone agli arresti domiciliari

Ingenti quantitativi di latte con un tasso fuori norma di aflatossine, un tipo di fungo altamente tossico che viene ritenuto una delle sostanze più cancerogene esistenti, che sarebbero stati distribuiti da Cospalat Fvg dal Nord al Sud Italia.

COSPALAT: IL MINISTERO HA AVVIATO I CONTROLLI

CASO COSPALAT FVG: LA RABBIA DEI CONSUMATORI

COSPALAT: I NOMI DI TUTTI I COINVOLTI NELL'INCHIESTA

Pur avendo rilevato il livello elevato di questa sostanza, il consorzio non avrebbe fatto nulla per bloccarne la commercializzazione. Anzi, in alcuni casi le analisi sarebbero state contraffate e il latte “diluito”, in modo da eludere eventuali controlli. Una serie di illeciti che stamattina ha portato alla fase finale dell’operazione condotta dai carabinieri del Nas di Udine e coordinata dalla procura del capoluogo friulano. A riportarlo è l'edizione on line de  Il Quotidiano del Friuli Venezia Giulia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INCHIESTA COSPALAT: LE INDAGINI PARTIRONO DA UNA DENUNCIA

Le ipotesi di reato sono quelle di frode in commercio, adulterazione di alimenti e commercio di sostanze nocive. Una ventina le persone indagate e otto le misure cautelari eseguite su disposizione del gip. In carcere il presidente di Cospalat, Renato Zampa, le altre quattro persone sono invece state ristrette agli arresti domiciliari. Tra queste anche la segretaria Stefania Botto, il capo dei trasportatori di Cospalat, Dragan Stepanovich, e la biologa Graziella Mainardis, titolare del laboratorio di analisi Microlab di Amaro. Le partite di latte fuorilegge non avrebbero raggiunto solamente i principali mercati del Nord Italia, ma anche alcuni caseifici conniventi del Sud Italia. Sono in tutto 86 le perquisizioni locali e personali eseguite nelle provincie di Udine, Pordenone, Gorizia, Treviso, Padova, Vicenza, Arezzo, Perugia, Napoli, Bari e Brindisi con l’impiego di circa 300 carabinieri del Nas e delle stazioni dell’Arma. Le aflatossine si sarebbero sviluppate sul mangime con cui è stata nutrita una parte delle mucche da latte che riforniscono Cospalat.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

Torna su
UdineToday è in caricamento