Ladra beccata a rubare con il cugino di 11 anni, i carabinieri scoprono le sue 21 identità alias

La donna aveva addosso 10mila euro di refurtiva e su di lei sono stati scoperti ordini di carcerazione per oltre 21 anni derivati da furti effettuati in tutta Italia

La refurtiva per un valore di 10mila euro

Cerca di scassinare la porta di un appartamento, ma l'inquilina se ne accorge e chiama i carabinieri che trovano la ladra ancora per strada, accompagnata dal cuginetto di 11 anni, con addosso il bottino di un altro furto. Una volta in caserma scoprono che la rapinatrice, Anita Spaic classe 1987 e nata a Savona, ha creato 21 identità alias ed è destinataria di diversi ordini di carcerazione per un totale di 21 anni.

I fatti

Seguita per strada e perquisita dopo una segnalazione, la donna è stata trovata in possesso di vari arnesi da scasso, un orologio “Rolex” e vari monili in oro. Una volta condotta in caserma è uscito, sul suo conto, davvero di tutto. Il controllo sull'identità ha permesso infatti di risalire a ben 21 alias creati dalla Spaic negli anni. Verificandole tutte, i carabinieri hanno così appurato che la 31enne era destinataria di un ordine di carcerazione per cumulo di pene emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Trieste, dovendo così scontare la pena di 10 anni, 2 mesi e 26 giorni di reclusione per 16 condanne passate in giudicato. Gli ulteriori accertamenti effettuati sulle 21 identità attribuite all’arrestata permettevano di risalire ad un ulteriore ordine di carcerazione pendente emesso dalla Procura della Repubblica di Verbania per pene concorrenti dovendo scontare 11 anni, 7 mesi e 26 giorni di reclusione, oltre 10 mesi di arresto per 18 condanne passate in giudicato per altrettanti furti in abitazione commessi dal 2005 al 2010 in tutta Italia.

L'episodio di ieri

A scatenare l'arresto è stata la segnalazione di una 29enne residente in via San Valentino a Udine che, intorno alle 16 di ieri pomeriggio, notando dei rumori provenire dall'ingresso della sua abitazione ha subito chiamato il 112 per denunciare il tentativo di effrazione di effrazione. Giunti immediatamente sul posto, i carabinieri hanno trovato ancora per strada la donna che camminava insieme ad un bambino di soli 11 anni, poi identificato come il cugino. Una volta perquisita, la 31enne è stata trovata in possesso degli arnesi necessari allo scasso e alla refurtiva derivante da un colpo effettuato poco prima della segnalazione in un altro appartamento, ovvero un bracciale, un anello e un orologio Rolex, per un valore totale di circa 10mila euro.

La denuncia

La Spaic, per la prima volta pizzicata a rubare a Udine, è stata così deferita per tentato furto aggravato in abitazione e ricettazione ed è stata emessa immediata esecuzione di ordine di carcerazione. La donna è stata così tratta in arresto ed associata alla Casa Circondariale di Trieste. Il minore, deferito in stato di libertà per gli stessi reati, è stato invece affidato ad una struttura assistenziale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • Provoca i giocatori dell'Udinese, scatta il parapiglia e poi scappa

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Scontro in A4, 23enne udinese incastrato nell'abitacolo di un'auto

  • A Lignano si elegge Mister Italia, in gara anche quattro friulani

Torna su
UdineToday è in caricamento