Nuova vita alle seconde case grazie ad un progetto da 4 milioni di euro per il turismo diffuso

La start up Italianway scommette sul Friuli Venezia Giulia con l'obiettivo di attrarre nei prossimi cinque anni turisti con una capacità di spesa medio alta

Valorizzare le secondo case inutilizzate per offrire turismo di qualità. E' questo l'obiettivo di Italianway, start up innovativa prop-tech protagonista del settore turismo-hospitality che ha chiuso il 2019 con un consuntivo di 15 milioni di euro e un portafoglio di oltre 1000 immobili in tutta Italia.

Dopo aver lanciato quasi 50 destinazioni in tutta Italia l'azienda scommette sul Friuli Venezia Giulia con un progetto ambizioso: attrarre, nei prossimi cinque anni in regione circa 160mila viaggiatori “affluent”, ovvero turisti con una capacità di spesa medio alta e desiderosi di vivere un’esperienza di soggiorno all’italiana, a vantaggio dei proprietari che vogliano mettere a reddito la seconda casa inutilizzata generando ricadute positive sull’economia locale anche in termini di servizi come ristorazione, trasporti, cultura ed enogastronomia. Un progetto che punta a realizzare complessivamente un turn over di 4 milioni di euro nell’arco di cinque anni intercettando 160mila viaggiatori per 150mila notti prenotate. 

L’azienda, che conta un Team di 100 plurilaureati under 30 e un'unica piattaforma digitale multicanale dopo essersi affermata sulla piazza di Milano come primo operatore per numero di immobili gestiti (oltre 500), ha scelto di esportare il suo modello in tutta Italia selezionando scrupolosamente partner locali, come accaduto ad Udine con Flavio Comuzzi e Antonio Tessaro (nella foto), già attivi nel settore immobiliare e delle costruzioni: “Il modello di business di Italianway che abbiamo sposato  - fanno sapere - è molto apprezzato dai proprietari che sempre più numerosi ci affidano le loro seconde case inutilizzate per aprirle ad un turismo di qualità dodici mesi l’anno. Ad Udine, dove noi operiamo, puntiamo a realizzare 60mila notti prenotate ed un turno over di un milione e mezzo in cinque anni, accogliendo grazie ad Italianway 50mila nuovi viaggiatori a cui far vivere un’esperienza di soggiorno davvero immersiva nelle eccellenze del nostro territorio. Inoltre Udine è la base perfetta per esplorare destinazioni da non perdere come San Daniele del Friuli, i borghi medioevali di Gemona e Venzone, Cividale, i Colli Orientali e del Collio, ma anche Palmanova e Aquileia”.

Lavoriamo selezionando immobili di qualità insieme a partner locali garantendo loro una serie di servizi che nessun’altra azienda del settore turismo-hospitality in Italia è in grado di offrire - spiegano Davide Scarantino e Marco Celani, Founder ed AD di Italianway - a partire dalla piattaforma di prenotazioni dirette, al software proprietario, ad un approccio multi-OTA e ad un Team Booking che lavora sul riempimento degli immobili del nostro circuito 7 giorni su 7 per offrire il massimo rendimento possibile ai proprietari. Per esempio sulla città di Milano da cui siamo partiti e su cui siamo il primo operatore del settore, il giro d'affari medio di un appartamento nel circuito Italianway ha reso nel 2019 circa 27mila euro, sensibilmente di più anche rispetto ad altre gestioni professionali, per non parlare di quelle fai da te, e questo grazie alla capacità di promozione multicanale prevista dal nostro modello, all’integrazione tra l’affitto a breve e a medio termine e alla capacità di attivare convenzioni corporate". 

"Il tema della legalità - continuano Celani e Scarantino - per noi è prioritario a garanzia del guest ma anche del proprietario. E per questo sono sempre più numerosi quelli che ci affidano in totale sicurezza i loro immobili: ci facciamo carico noi di tutti gli adempimenti fiscali e normativi previsti dalla legge per chi affitta ai turisti così come di raccogliere e versare la cedolare secca allo Stato: il nostro è un business legale e trasparente, che crea occupazione e valorizza un patrimonio immobiliare esistente. I proprietari lo hanno capito e ci scelgono per professionalità e competenze. Li supportiamo nell’allestimento e nella promozione degli immobili attraverso numerosi portali internazionali. Il modello di Italianway si propone di attrarre, in maniera continuativa durante tutto l’anno, turisti di fascia medio alta da ogni parte del mondo, con tassi di riempimento invidiabili e importanti ricadute sulle economie locali”.

1. Antonio Tessaro e Flavio Comuzzi, imprenditori Italianway a Udine-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aria salubre e sicura con la corretta manutenzione dei climatizzatori

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento