"Irriducibili come Giulio!", quel Friuli che non dimentica e non perdona il caso Regeni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

 A tredici mesi dalla scomparsa del valoroso universitario di Fiumicello si rinnovano a Udine lumi e fiori presso la Colonna della Giustizia nonché lettere alla Prefettura per le massime cariche della Repubblica Sabato 25 febbraio 2017, presso la Colonna della Giustizia, in Piazza Libertà, alle ore 11, a Udine, una delegazione del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e del Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl", accompagnata da significative altre rappresentanze della società civile udinese, renderà omaggio al ricordo del giovane corregionale dott. Giulio Regeni da Fiumicello, martire friulano cosmopolita in terra d'Egitto, con il rinnovo di lumi e fiori alla sua più deferente memoria e all'orgoglio offeso del migliore popolo del Friuli, a tredici mesi dalla tragedia che ha messo il luce la difficoltà delle Istituzioni italiane ed europee a tutelare e riscattare l'oltraggio ad un valoroso concittadino. Si rinnoveranno, come avviene mensilmente da ottobre, consonanti lettere alle massime cariche dello Stato a mezzo Prefettura.

Torna su
UdineToday è in caricamento