Innovazioni tecnologiche e barriere fonoassorbenti su A23 e A4

Il Consiglio di Amministrazione di Autovie Venete delibera una serie di importanti investimenti

Consiglio di amministrazione di Autovie Venete prettamente tecnico quello che si è svolto  oggi (giovedì 18 ottobre) a Trieste, con un ordine del giorno dedicato quasi interamente alla valutazione e conseguente delibera di approvazione di forniture e servizi, alcuni dei quali particolarmente importanti dal punto di vista dell’innovazione. 

Le novità

In primo piano la fornitura e la posa in opera di tutte le apparecchiature che faranno fare un salto di qualità alla rete tecnologica della Concessionaria.  Si tratta di una nuova tecnologia, la Multi Protocol Label Switching (MPLS),  più attuale e tecnologicamente aperta a nuove implementazioni, fra cui la smart mobility, che  Autovie sarà così in grado  di supportare.  Un investimento di oltre 1 milione e 800 mila euro che servirà anche a implementare la dorsale di fibre ottiche già presente. Oltre alla terza corsia della A4 che renderà l’asse autostradale più idoneo a reggere i crescenti volumi di traffico, Autovie,  in parallelo, sta adeguando anche tutto il set informatico-tecnologico. La trasformazione digitale delle infrastrutture di trasporto in atto, infatti, consente di migliorarne la qualità, la sicurezza, l’utilizzo e di farne strumenti per generare dati e servizi che agevolino la mobilità di persone e merci, facilitando e semplificando il trasporto. “Tutti i tratti di terza corsia, a lavori ultimati – ha sottolineato il presidente Maurizio Castagna -  saranno già predisposti per supportare nuovi strumenti, grazie ai quali il monitoraggio del traffico, solo per citare un esempio fra i tanti, sarà molto più efficace”.

Gli interventi

Altro punto all’ordine del giorno, i lavori per l’installazione delle barriere acustiche in A23, all’altezza di Campoformido, il cui importo complessivo supera i tre milioni di euro. Il progetto, che rientra nel piano generale sviluppato da Autovie per il risanamento acustico,  prevede il rivestimento dei muri esistenti lato autostrada e di quelli di contenimento in località Basaldella per complessivi 1.904 metri quadri; la realizzazione di nuove barriere fonoassorbenti per 2 mila 988 metri quadri in A23 e 3 mila 015 metri quadri sulla tangenziale, a cui si aggiungono ulteriori 82 metri quadri all’altezza della Via Verdi - Strada Provinciale 89. Le barriere, alte fra 4 e 6 metri, avranno una parte in vetro, più ampia in prossimità delle abitazioni. Quasi 2 mila metri lineari l’estensione complessiva. Ultimo punto  l’adeguamento del sistema di esazione al pagamento dei pedaggi, un intervento che metterà in grado gli impianti di leggere anche le carte di credito e i bancomat dotati di microchip.

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Le piscine a Udine e dintorni: dove andare per rinfrescarsi in acqua

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Malga Montasio: tutto quello che c'è da sapere

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Friuli

  • Scossa di terremoto in Carnia, la terra trema ancora una volta

  • Violenza sessuale su una bambina di 9 anni in un locale del Cividalese

  • Rubano 3mila euro di birra e cibo alla sagra e si bevono quasi tutto, denunciati

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

Torna su
UdineToday è in caricamento