Scontro tra vetture a Orzano, coinvolta anche una donna incinta

La donna era alla guida di una Kia, finita sopra a una Dacia. Coinvolta anche una terza auto, una Golf

Incidente a Orzano di Remanzacco, in via Stangaferro, alle 19 di oggi: una Kia, condotta da una donna incinta, è finita sopra a una Dacia. Sembra che la situazione sia venuta a crearsi dopo che la Kia ha urtato una terza auto coinvolta nel sinistro - una Golf -. Le dinamiche sono in fase di accertamento da parte dei carabinieri, intervenuti sul posto per i rilievi. 

Le operazioni

La Golf era condotta da un uomo classe 1992 residente a Magnano in Riviera, la Dacia da un uomo e la Kia da una donna del 1982 residente a Manzano in stato interessante che viaggiava assieme al marito. Due squadre di vigili del fuoco provenienti dal distaccamento di Cividale hanno dovuto stabilizzare  l'autovettura, servendosi anche di un'autogru, con calzari fissati sotto le ruote e con appositi tiranti fissati a terra prima di procedere all'estrazione della signora. Non era infatti possibile operare senza prima aver assicurato il mezzo, in quanto ogni manovra avrebbe potuto essere pericolosa. Sul posto anche il personale medico del 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

foto.05-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

Torna su
UdineToday è in caricamento